Ana de Armas su Blonde “Vedermi nei panni di Marilyn è stato davvero travolgente”

Basato sul romanzo bestseller di Joyce Carol Oates, Blonde reimmagina audacemente la vita di Marilyn Monroe, esplorando la scissione tra il suo io pubblico e quello privato. Nel cast della pellicola troviamo Ana de Armas, Adrien Brody, Bobby Cannavale, Xavier Samuel, Julianne Nicholson, Lily Fisher, Evan Williams, Toby Huss, David Warshofsky, Caspar Phillipson, Dan Butler, Sara Paxton, Rebecca Wisocky. Il film, presentato a Venezia 79, è disponibile in streaming dal 28 settembre 2022.

Una conversazione con Ana de Armas

(articolo tratto dal pressbook stampa di Blonde ©Netflix)

Cosa l’ha attratta nel fare Blonde?

Ero alla ricerca di un ruolo drammatico per mostrare la mia varietà attoriale. Non pensavo certo d’interpretare Marilyn Monroe, ma questo è molto diverso da qualsiasi altro film o storia su di lei che abbiate mai visto. Ciò che mi è piaciuto della sceneggiatura, e ciò che Andrew si proponeva di fare, è stato creare un’esperienza emotiva. Non è una biografia, ma è emotivamente reale. Andrew ha compreso il trauma subito dall’attrice durante l’infanzia e l’impatto che questo ha avuto sulla sua vita. Ho visto in lei una persona che, per quanto famosa, era anche molto vulnerabile… E mi sono immedesimata in quella vulnerabilità.

Una volta deciso di affrontare il formidabile compito d’interpretare una delle icone più famose del mondo, come si è preparata?

Naturalmente ho letto il libro di Joyce. È stata la prima e più grande fonte d’ispirazione di Andrew. C’è così tanto dal romanzo che ha tratto, non solo immagini, scene e personaggi, ma anche dialoghi veri e propri per il film. È così bello. È stato un materiale incredibile con cui lavorare. Oltre al libro, la mia preparazione è stata una combinazione di visione dei suoi film e di lettura di diversi altri libri, tra cui il capitolo “Beautiful Child” nel libro di Truman Capote Musica per camaleonti. Il saggio è di poche pagine, ma racconta un pomeriggio in cui si incontrano e stanno insieme, ed è scritto in modo così bello. Si ha l’impressione di chi fosse lei di persona e di quale fosse la sua energia e il suo carisma. E, naturalmente, ho esaminato migliaia di fotografie. A un certo punto, Marilyn è stata la persona più fotografata al mondo e c’è così tanto materiale da cui attingere. Anche YouTube è stato un servizio molto importante. Vi si trovano i video più incredibili e casuali, ma forniscono molte informazioni. Andrew ha creato una bibbia d’immagini. Tutto ciò che si può immaginare nel film, ogni immagine proviene da un’immagine già esistente di Marilyn. La stavo riguardando l’altro giorno e questa bibbia era composta da 750 pagine. Il regista l’ha trasmessa a tutti i reparti, al guardaroba, ai parrucchieri e ai truccatori, naturalmente, a tutti gli attori, agli oggetti di scena, ai progettisti della produzione, a tutti, perché tutti dovevano capire cosa stavamo facendo in ogni fase della lavorazione. Andrew e io cercavamo di trovare Norma sotto tutto quel trucco e quelle pose. Ci sono video incredibili di lei al Teatro Cinese, con le impronte delle sue mani nel cemento e tanti altri piccoli interventi. Qui si vede Marilyn e si può notare che è “accesa”, ma allo stesso tempo, se si guarda davvero e si guarda ancora e ancora e ancora, si vede sempre che Norma Jeane si fa strada. Si vede sempre uno sguardo, un sorriso, qualcosa che fa capire quanto sia a suo agio o a disagio, felice o infelice. Basta guardare bene. La mia ricerca si è basata su tutto questo, trovando i momenti in cui Norma era presente, perché Marilyn era la persona più famosa del mondo. Ma Norma, per questo motivo, è diventata la persona più invisibile del mondo. Ed è questa la storia che vogliamo raccontare.

Press Conference - BLONDE - Actress Ana De Armas (Credits La Biennale di Venezia - Foto ASAC, ph A. Avezzù)
Press Conference – BLONDE – Actress Ana De Armas (Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC, ph A. Avezzù)

Scopri anche il nostro articolo sulla conferenza stampa di Blonde a Venezia ’79

In effetti il film esplora davvero la divisione tra queste due diverse metà. Come ha appena detto, in alcuni casi ha dovuto essere solo Norma e in altri Marilyn, ma anche un po’ di entrambe in alcuni casi. Secondo lei, cosa c’è dietro questa dualità?

Il motivo per cui ha avuto bisogno di creare quest’altro personaggio è stato perché veniva da un’infanzia difficile: un padre assente, tanto per cominciare, e poi una madre che le ha detto più volte che tutto ciò che era successo di brutto era colpa sua e che non era desiderata. Così, nel corso della sua vita, ha iniziato a diventare sempre più famosa e, all’improvviso, si è sentita dire tutto il contrario: Tutti ti vogliono. Sei desiderata. Sei amata. Sei accettata. E allora come si fa ad affrontare tutto questo? Sei desiderata da tutti, tranne che dai tuoi genitori. Credo che per lei sia stato uno strumento per sopravvivere, in un certo senso, per superare la situazione.

I traumi subiti dalla Monroe, dalle tragedie familiari ai molti modi in cui è stata sfruttata e abusata nel corso della sua breve vita, sono un ritmo costante nel film. L’abbandono da parte del padre è stato chiaramente determinante per la sua salute mentale. Come si è sentita a proposito di questo dispositivo d’inquadramento e come ha influenzato la sua interpretazione?

Per quanto riguarda la storia, credo che il film riesca a mostrare l’altro lato della medaglia. Vediamo la vita attraverso gli occhi di Marilyn. Si vede l’immagine iconica del suo vestito che esplode in The Seven Year Itch e il grande cartellone pubblicitario e si pensa una cosa. E si vede come questo abbia avuto un impatto sul suo matrimonio e come il marito abbia abusato di lei. Si sente parlare delle sue relazioni con il Presidente e si pensa una cosa, ma questo film dimostra che in realtà si tratta di qualcos’altro. Ci si sente a disagio perché Marilyn era a disagio. Abbiamo avuto una sola storia su Marilyn per tutti questi anni. Credo che questo riequilibri il mito. Per me, come attrice, ho dovuto lavorare per trovare la sua vulnerabilità. Non ho vissuto il tipo di trauma che ha subito Marilyn, ma so cosa significa sentirsi vulnerabili. E ho dovuto davvero permettermi di entrare in profondità in quella vulnerabilità… E sapevo che se fossi riuscita a farlo, avrei potuto avere successo nel ruolo.

Com’è stato lavorare con Andrew? Come sono state le vostre conversazioni per dare vita a Marilyn?

È davvero uno dei più intelligenti e anche emotivamente intelligenti, gentili, brillanti e talentuosi registi che abbia mai incontrato e con cui abbia mai lavorato. Il nostro processo è stato qualcosa che non avevo mai fatto prima. Quando ho incontrato Andrew, lavorava già da più di 10 anni a questo film, ed era così appassionato, così eccitato, così pieno d’amore, ed era così preso da questa storia. Non si fa una cosa del genere per oltre 10 anni se non si crede che questa storia debba essere raccontata e raccontata in questo modo. Il mio amore, la mia comprensione e la mia passione per questo progetto e per Marilyn sono venuti da lui. È stato così contagioso.

Mi ha preso per mano e mi ha accompagnato per circa nove mesi, ogni giorno, anche prima che le telecamere girassero. Parlavamo ogni fine settimana, ogni giorno della settimana. C’era molto di cui parlare perché Andrew non era interessato a fare qualcosa di superficiale o di commerciale che sfruttasse l’immagine di Marilyn. Quindi abbiamo dovuto lavorare sodo e andare in profondità, e lui la trattava con così tanta cura che sapevo che si sarebbe preso cura anche di me durante questo processo. Ho sentito tanta fiducia e mi sono sentita sempre a mio agio.

Dopo tutto questo studio approfondito, com’è stato trasformarsi in Marilyn e vedersi per la prima volta?

Vedermi nei panni di Marilyn è stato davvero travolgente. È stato molto emozionante perché a quel punto lavoravo da circa nove mesi e la prima volta che ho fatto la parrucca principale con il trucco completo ho iniziato a piangere. Il mio team di parrucchieri e truccatori ha iniziato a piangere. Erano tutti molto emozionati ed è stato un momento bellissimo. E mi è sembrato che tutto diventasse reale. “Lo stiamo facendo! Sta succedendo!” È stato così spaventoso, ma allo stesso tempo così bello. È stato un momento molto speciale.

Com’è stato il processo per affrontare l’accento di Marilyn?

La voce, per me, è stato l’aspetto più spaventoso di questa trasformazione. Sapevo fin dall’inizio che sarebbe stato molto impegnativo, ed è stato un processo che naturalmente è iniziato con la visione dei film e l’ascolto d’interviste, registrazioni audio, tutto quello che potevo per familiarizzare con la sua voce. Nel nostro film ci sono delle ricostruzioni di questi film, e ho avuto questo come riferimento, ma non tutto. La maggior parte di ciò che facciamo non sono ricreazioni, sono i momenti in cui le telecamere non giravano o non lampeggiavano, sono i momenti più intimi e personali di lei, quindi non avevamo nulla da guardare o ascoltare. Mi sono subito resa conto che non potevo presentarmi nell’ufficio del mio allenatore e iniziare a praticare l’accento e a ripetere come un pappagallo. Si trattava di un processo completamente diverso. Non si trattava solo d’imparare l’accento di qualcuno in un periodo storico preciso, in una città specifica. La sua voce è completamente intrecciata con ciò che prova e con tutte le affettazioni che ha avuto frequentando lei stessa i corsi di dizione, perché sentiva di dover sembrare migliore o più intelligente, o di doversi liberare della balbuzia. Era così insicura. Era così spaventata. Ci pensava sempre due o tre volte prima di dire qualcosa. Il suo respiro affannoso e il suo tono alto erano il risultato di una persona senza limiti che aveva bisogno di far entrare tutti. Aveva bisogno di quella vicinanza con le persone perché non l’aveva mai avuta prima. Ho frequentato le mie lezioni di accento e ho dovuto riscaldarmi emotivamente per arrivarci, perché non si trattava solo di figurare le sue espressioni e le sue sopracciglia e quanto si vedevano i miei denti inferiori e l’arrotondamento delle “O”. Tutto questo si può ricavare dalle immagini, ma è stata la sensazione, la vulnerabilità e la morbidezza che si possono ottenere solo accompagnandola emotivamente. Non puoi dare voce a qualcun altro se non sai cosa sta provando. Devi capire la persona. È allora che la voce viene fuori.

A un certo punto, essendo così coinvolto, ha iniziato a sognare Marilyn?

L’ho fatto! Abbiamo avuto conversazioni complete. È stato un viaggio.

Perché, secondo lei, Marilyn è rimasta così a lungo nella cultura generale?

Credo che ci fosse qualcosa in lei che faceva sentire le persone amate. Chiunque parlasse con lei era il centro del mondo e riceveva tutta la sua attenzione. Credo che, non avendo limiti, abbia avvicinato le persone. Sentivano di essere vicini a lei. Avevano una piccola finestra su chi era veramente. E le persone sentivano che era come una calamita. Le persone volevano starle vicino. E naturalmente è diventata anche un’icona della moda e della bellezza, e lo è ancora oggi. Molti artisti si sono ispirati a lei. Era anche così talentuosa, affascinante, divertente e dolce. Cosa c’è che non piace?

Cosa vuole che gli spettatori traggano da Blonde?

Spero in una maggiore accettazione ed empatia. Spero che l’amore per lei rimanga e cresca ancora di più. Ma ora, conoscendo l’altro lato – il lato più oscuro, il lato più triste, il lato più traumatico o doloroso – che ancora la ammirano e la ammirano ancora di più, sapendo quello che ha passato e riconoscendo comunque tutto quello che ha fatto.

Come pensa che Marilyn possa reagire al film?

Credo che sarebbe felice. Penso che sarebbe gratificante per lei il fatto che le abbiamo dato una voce, e in un certo senso stiamo parlando anche di Norma, non solo di Marilyn.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.