Bad Boys: Ride or Die (2024) Il ritorno dei “Cattivi ragazzi” in un capitolo prevedibile.

Recensione, trama e cast di "Bad Boys: Ride or Die" del 2024. Un'action-comedy adrenalinica con i protagonisti in una nuova avventura piena di inseguimenti, sparatorie e risate.
Condividi su

Trailer di Bad Boys: Ride or Die

Il trailer di Bad Boys Ride or Die

Informazioni sul film e dove vederlo in streaming

Bad Boys: Ride or Die è il quarto capitolo della saga Bad Boys. Diretto da Adil El Arbi e Bilall Fallah. Il film vede ancora una volta protagonisti i detective Mike Lowrey e Marcus Burnett interpretati da Will Smith e Martin Lawrence. Nel cast, oltre a Will Smith e Martin Lawrence, figurano anche Vanessa Hudgens, Rhea Seehorn, Alexander Ludwig ed Eric Dane. Il film è uscito nelle sale il 13 giugno 2024.

Bad boys, bad boys
Whatcha gonna do?
Whatcha gonna do when they come for you?
Bad boys, bad boys
Whatcha gonna do?
Whatcha gonna do when they come for you?

La trama di Bad Boys: Ride or Die

In questo nuovo capitolo i detective Mike Lowrey e Marcus Burnett si ritrovano a indagare sulla corruzione all’interno del dipartimento di polizia di Miami, quando il defunto ex capitano Conrad Howard viene accusato di coinvolgimenti negli affari della mafia rumena, Mike e Marcus si trovano costretti a lavorare al di fuori della legge per risolvere il caso.

Frame di di Bad Boys: Ride or Die (2024)
Frame di di Bad Boys: Ride or Die (2024)

La recensione di Bad Boys: Ride or Die

In Bad Boys: Ride or Die i “Cattivi ragazzi” tornano sul grande schermo per una nuova avventura insieme. Come nel precedente capitolo alla regia tornano Adil El Arbi e Bilall Fallah sostituendo definitivamente Michael Bay. I due registi si destreggiano tra scene action convincenti e adrenaliniche che funzionano per tutta la durata della pellicola, soprattutto nella parte finale. Lo sviluppo narrativo cerca di mischiare vecchi e nuovi elementi con una trama abbastanza lineare, a tratti anche molto prevedibile, che non pretende di uscire dagli schemi già rodati. Anche il villain della situazione è abbastanza blando ed inserito più per dovere che per funzionalità alla trama stessa. Si lavora sull’effetto nostalgia senza mai strafare, utilizzando il concetto di famiglia e affrontandolo da vari punti di vista, cercando di concludere le varie storyline del capitolo precedente.

Una narrazione che si destreggia abbastanza, alternando scene action, gag e comicità. Una comicità che a tratti risulta un po’ troppo forzata, quasi fuori tempo massimo, ma che riesce a strappare qualche risata. Anche il risvolto thriller non viene sfruttato abbastanza, visto lo sviluppo narrativo si poteva utilizzare qualche elemento per aumentare la suspense, soprattutto nella seconda parte della pellicola.

Will Smith e Martin Lawrence riprendono i panni dei rispettivi personaggi con la consapevolezza che il tempo è passato anche per loro, affrontando il passato in maniera diversa e strizzando l’occhio al futuro. Ci si affida prevalentemente alle dinamiche della loro coppia, ormai rodata e in questo episodio lo si sente più dei precedenti, fino ad arrivare ad un finale che tira le fila di una storia partita negli anni 90.

Fotogramma di di Bad Boys Ride or Die (2024)
Fotogramma di di Bad Boys Ride or Die (2024)

In conclusione

Bad Boys: Ride or Die porta sullo schermo un sequel che riesce a essere in linea con gli episodi precedenti, che non riesce ad avere una trama convincente e non brilla di personalità, ma che continua a lavorare sull’effetto nostalgia. Si può però definire un capitolo finale che nel complesso funziona, soprattutto grazie ai due protagonisti, che con lo sfondo di Miami lascia allo spettatore la canzone tema della serie e le scene action.

Note positive

  • Cast
  • Scene action
  • Personaggi

Note negative

  • Trama prevedibile
Condividi su
Tatiana Coquio
Tatiana Coquio

Amo alla follia la settima arte, la sceneggiatura è ciò che mi interessa di più in un film, tanto da aver fatto degli studi in merito.
Star Wars fan da una vita e serie TV addicted.
Lettrice e scrittrice compulsiva, sempre pronta ad appuntare note e pensieri un po' ovunque, quando posso viaggio per il mondo accompagnata dal mio fido ipod e una colonna sonora a tema.

Articoli: 57

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.