Conferenza stampa de La teoria del tutto (Die Theorie von Allem) – Venezia 80

Condividi su

Die Theorie von Allem, per la regia del cineasta tedesco Timm Kröger, è stato presentato in anteprima mondiale il 3 settembre 2023, in concorso al Leone D’oro della 80ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, per poi uscire al cinema il 26 ottobre 2023 in Germania. A Venezia 2023 si è tenuta la conferenza sul film, dove cineasta e attori, Jan Bülow e Olivia Ross, hanno dichiarato:

Timm Kröger – Regista

Abbiamo partecipato al Festival di Venezia nove anni fa con il film intitolato “The Council of Birds,” che, in effetti, non rappresenta una traduzione ideale per “Zerrumpelt Herz.” che letteralmente significa “Cuore distrutto,”. Questo film è romantico ed è ambientato nel 1929 ed è incentrato sulla musica. Già durante la realizzazione di “The Council of Birds,” io, Victoria, e il mio sceneggiatore Roderick avevamo concepito l’idea di realizzare una trilogia di film. Il secondo di questi è stato presentato qui nel 2019, e l’obiettivo della trilogia era quello di analizzare il ventesimo secolo da una prospettiva culturale tedesca. Abbiamo impiegato un certo tempo per realizzare questa trilogia, ma alla fine abbiamo concepito l’idea per il terzo film, intitolato “Die Theorie von Allem.” Questa volta, il film non è centrato sulla musica, bensì sulla fisica e sulla paranoia che può scaturire quando si prende troppo seriamente questa disciplina scientifica, con l’ambientazione negli anni ’60.

Nel film ci sono alcuni richiami cinematografici….

Timm Kröger – Regista

Questo film è indubbiamente ricco di riferimenti, alcuni dei quali sono consapevoli, mentre la maggior parte sono inconsci. Tra di essi spicca l’influenza di Hitchcock, ovviamente, e potremmo persino citare Lynch. Alcuni registi di cui non ho avuto l’opportunità di vedere o conoscere personalmente hanno contribuito in modo subconscio. C’è un intero sottofondo di memoria cinematografica che giace in qualche modo nascosto sotto la superficie dell’hotel, proprio come in questo film. Alcuni di questi riferimenti sono molto chiari e deliberati, quasi un omaggio al cinema del Novecento, compreso il cinema italiano degli anni ’70. Tuttavia, la maggior parte di essi sembrano ricordati solo in parte, perchè volevo che il film fosse un viaggio in un mondo strano e lontano del passato. È come se stessimo cercando di condurre il pubblico in questo mondo strano e straniero del passato. Credo che il modo in cui ricordiamo il passato sia intrinsecamente legato al cinema. Per veramente immergere il pubblico in questo mondo strano e per portarlo in un viaggio attraverso questo mondo, era importante che sembrasse che molti film si mescolassero e che prendessero sul serio i generi cinematografici, ma allo stesso tempo li sovvertissero, creando qualcosa di nuovo e sorprendente.
PHOTOCALL - DIE THEORIE VON ALLEM (THE THEORY OF EVERYTHING) - P. Graber, O. Ross, J. Bülow (Credits G. Zucchiatti La Biennale di Venezia - Foto ASAC)
PHOTOCALL – DIE THEORIE VON ALLEM (THE THEORY OF EVERYTHING) – P. Graber, O. Ross, J. Bülow (Credits G. Zucchiatti La Biennale di Venezia – Foto ASAC)

Tra Multiverso e Matrix….

Timm Kröger – Regista

Credo che viviamo in tempi molto speciali. Non sappiamo dove stia dirigendosi l’umanità; siamo a un bivio e viviamo in una realtà che a volte non è il massimo, anzi ci sentiamo quasi intrappolati. Questa sensazione è aumentata negli ultimi decenni, almeno qui in Occidente, perché non esiste una vera e propria utopia che valga per il mondo. Abbiamo molte visioni sulla fine del mondo e molte realtà virtuali che ci permettono di sfuggire in mondi multipli, dove possiamo vivere la realtà che desideriamo. Tuttavia, nella realtà stessa, non è sempre ciò che percepiamo. Credo che esista una ragione culturale per il concetto di Multiverso, e questo film stimola questa idea a modo suo.

Matrix non ha un impatto diretto sul film, ma parlo di Matrix perché è un film che credo abbia plasmato in modo significativo la nostra generazione. Non so se siate cresciuti con questo tipo di ingenuo ottimismo alla Star Trek. In Matrix, c’era una sorta di utopia, ma è stato uno dei primi film del suo genere a infrangere questo ottimismo che pervadeva tutta una generazione. Ci ha fatto comprendere in modo realistico che non viviamo nella realtà, ma in una sorta di menzogna, e che se vogliamo svegliarci da questa menzogna, ci aspetta un mondo ancora peggiore, in cui siamo inseguiti da strani agenti cibernetici. Matrix ci mostra che vivere in una bugia potrebbe essere la scelta migliore, che è l’opposto dell’utopia. Credo che questo film abbia lasciato la mia generazione, o almeno alcune persone della mia generazione, con una perdita di speranza. Ancora oggi, nella modernità, stiamo cercando di raccogliere i cocci della nostra storia. Questo film e cinema cerca di mettere insieme i pezzi di un puzzle guardando al passato e cercando qualcosa di nuovo. Il film è intrinsecamente legato alla questione del caso e del destino, che è implicitamente presente in questa storia. Credo che retroattivamente tutti possiamo conoscere questa sensazione. Quando riflettiamo sulla nostra vita, desideriamo che ci sia un significato, che tutto ciò che facciamo o tutto ciò che ci è successo abbia un senso. Ma in realtà, non sappiamo se sia vero, e in questa scomoda contraddizione, la menzogna diventa l’essenza di ciò di cui abbiamo bisogno per guardare al futuro misterioso.

L’esperienza degli attori….

Jan Bülow – Attore

Nessun ho svolto nessun tipo di preparazione, nemmeno quello di attore, ti permette di sfuggire completamente alla realtà del mondo. Un attore non si sveglia ogni mattina e pensa di essere il personaggio che interpreta; invece, si immerge nella realtà del contesto in cui si trova. Non c’è una sorta di connessione magica o speciale. Nel mio caso, mi sono innamorato della sceneggiatura e della storia del film, ed è stato questo che ha catturato la mia attenzione in modo così profondo.

Olivia Ross – Attore

Quando leggi una sceneggiatura, diventi essenzialmente uno spettatore, ma hai anche una sensibilità da attore che ti accompagna. Nel caso di questo film, è stata davvero interessante la mancanza di una preparazione tradizionale. Ho letto la sceneggiatura molto tempo prima che iniziassimo effettivamente a girare, addirittura prima dell’arrivo della pandemia di Covid-19. Il film è stato posticipato di due anni, il che mi ha dato l’opportunità di vivere con l’idea di questo film per un lungo periodo di tempo. Senza dubbio, ho amato profondamente la sceneggiatura e ho cercato di immergermi nella storia per un certo periodo di tempo. Questa è stata davvero un’esperienza rara. La mia preparazione è stata in gran parte focalizzata sul pianoforte, che è stata un modo piacevole per prepararmi al film, anche se non sono un pianista. Ho praticato, ho imparato le basi, ma quello che ho apprezzato di più è stato il fatto che la musica, essendo una forma d’arte così emotiva, è riuscita a entrare in me in un modo che non era solo cerebrale. Questo aspetto è stato fondamentale perché, per quanto riguarda la preparazione al ruolo, nonostante il rispetto per il lavoro da fare a casa, per me è importante che diventi una sorta di spazio non cerebrale, separato dal lavoro pratico, che possa penetrare nell’inconscio e nell’emozione. La musica è stata un valido aiuto in questo senso.
Condividi su

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.