Cyrano (2021): recensione del film con Peter Dinklage e Haley Bennett

Cyrano (2021): recensione del film con Peter Dinklage e Haley Bennett 1

Cyrano

Anno: 2021

Paese: Regno Unito, Italia, Canada, Stati Uniti

Genere: Musical, Drammatico

Produzione: MGM, Working Title Films, BRON Studios

Distribuzione: Eagle Pictures

Durata: 124’

Regia: Joe Wright

Sceneggiatura: Erica Schmidt

Fotografia: Seamus McGarvey

Montaggio: Valerio Bonelli

Musiche: Aaron e Bryce Dessner

Attori: Peter Dinklage, Haley Bennett, Kelvin Harrison Jr., Ben Mendelsohn

Trailer ufficiale di Cyrano (2021)

Presentato in anteprima europea alla Festa del Cinema di Roma, Cyrano, l’attesissimo film di Joe Wright (L’ora più buiaAnna KareninaOrgoglio e Pregiudizio) trae ispirazione dal celebre testo teatrale di fine ‘800 scritto da Edmond Rostand. In questa versione, il protagonista ha il volto di Peter Dinklage mentre Haley Bennett veste i panni del suo amore inarrivabile, Roxanne.

Trama di Cyrano

Versione musical dell’intramontabile storia di uno dei più celebri e travolgenti triangoli amorosi di tutti i tempi. Un uomo all’avanguardia rispetto alla sua epoca, Cyrano de Bergerac, incanta il pubblico con brillanti giochi di parole nelle sfide verbali e con la sua sfolgorante abilità nei duelli di spada. Cyrano non riesce tuttavia a trovare il coraggio di dichiarare i suoi sentimenti alla splendida Roxanne, perché è convinto che il suo aspetto lo renda indegno dell’amore di colei che è anche la sua più cara amica. Lei, però, si è innamorata a prima vista di un certo Christian Neuvillette.

Cyrano (2021): recensione del film con Peter Dinklage e Haley Bennett 2
Behind the scenes di Cyrano (2021) credit: Rome Film Fest

Recensione di Cyrano

Un film di Joe Wright è sempre identificabile per la sua visione radicata in un profondo amore per la letteratura e il teatro. Da Espiazione di Ian McEwan all’Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen, fino ad Anna Karenina di Tolstoj, il regista inglese non ha certo paura di riadattare i grandi classici. Con Cyrano abbraccia la commedia in cinque atti di Edmond Rostand, affrontando il suo primo musical con un incredibile slancio narrativo. Ogni fotogramma del film è intenzionalmente pianificato e pensato. Wright non sconvolge la storia anzi, ne rimane fedele. Grazie anche alla sceneggiatura scritta da Erica Schmidt, basata sul suo musical off-Broadway accompagnato dalle musiche dei The National.

Al centro della storia troviamo la figura di Cyrano interpretato da un Peter Dinklage da Oscar, un personaggio dall’animo complesso e poetico. Una purezza d’intenti così lontana dalle regole della cinica società odierna, che finisce inevitabilmente per commuovere. Il giovane spadaccino, mette la sua arte letteraria al servizio del cadetto Christian (Kelvin Harrison Jr.), che gli chiede aiuto per mettere nero su bianco i sentimenti per la romantica Roxanne (Haley Bennett), grande amore di Cyrano. L’antagonista canonico d’eccellenza, il conte De Guiche, vuole anch’esso sposare la ragazza e avrà un ruolo fondamentale sulla sorte del trio.

CYRANO – Michael J. Cinema
Cyrano (2021) credit: Peter Mountain©

Interpretazioni

Il Cyrano di Wright decide di abbandonare il solito naso lungo da cartone animato e lascia invece che l’interpretazione di Dinklage abbracci la radicalità dell’essere fisicamente diverso da tutti gli altri, come simbolo della sua unicità. Non appena il suo personaggio entra in scena e fa la sua memorabile apparizione inseguendo un membro dell’alta borghesia, siamo istantaneamente rapiti da lui. Vediamo un’incredibile abilità di combattimento unita ad un senso dell’umorismo pungente, elevato da una rara intelligenza che usa per difendersi, nonostante le profonde insicurezze e la convinzione di non meritare un certo tipo di amore.

La recitazione di Dinklage apporta un profondo senso di passione e rifiuto quasi viscerale. L’espressione spezzata è così autentica, da diventare da manuale per qualsiasi interpretazione futura di un cuore ferito. Insieme alle sequenze d’azione si uniscono performance di ballerini contemporanei, che sperimentano con un insieme ben riuscito di danze d’epoca e classiche, una scelta che funziona e arricchisce il ritmo a volte calante dettato dalla durata del film. Harrison è giusto nella sua interpretazione e dà una vera profondità a Christian, un ragazzo che alla fine ottiene un vantaggio esclusivamente in base al suo aspetto. Mendelsohn nel ruolo da antagonista, porta fuoco e dimensione alla narrazione. Dal canto suo, Haley Bennett veste i panni di una Roxanne indipendente ed estremamente colta, che innalza il livello delle interpretazioni vocali toccando livelli d’intensità altissimi con Every Letter.

Cyrano (2021): recensione del film con Peter Dinklage e Haley Bennett 3
Cyrano (2021) credit: Peter Mountain©

Considerazioni finali

Le emozioni dunque viaggiano alte in Cyrano e abbracciano la teatralità del genere musical in modo così naturale, che anche chi non è vicino al genere può apprezzare la pellicola. Un realismo magico supportato da un montaggio altrettanto rapido, che cattura l’estasi della poesia e l’emozione (ormai quasi perduta) di scrivere e ricevere lettere d’amore: i ritardi e le soluzioni propulsive, il digiuno e le letture bulimiche per poi conservare il tutto in un posto segreto. Non è una storia complicata, ma c’è un motivo per cui continuiamo a tornarci e ad adattarla in mille forme diverse. Riguarda l’orgoglio, il rischio di come tutto ciò che vogliamo è proprio lì, dietro le nostre paure. C’è inoltre una visione del mondo intesa come proprietà unica di movimento e sensazione. La conoscenza sensibile é, dunque, la più elevata; l’intelletto stesso é sensazione, e tale proprietà riguarda tutta la natura.

Cyrano è anche un film profondamente legato alle connessioni umane, e il fatto che sia stato realizzato durante la pandemia è davvero significativo. Visivamente il film è magistrale, elevato dalla produzione e scenografia delle sei volte nominate all’Oscar Sarah Greenwood e Katie Spencer. Splendidi i costumi curati da Massimo Cantini Parrini e all’eccezionale fotografia di Seamus McGarvey, specialmente nelle scene di battaglia. I suoi temi e la tragedia personale dei suoi tre personaggi principali, tutti alla ricerca di amore e di connessione umana, avranno sicuramente una grande risonanza per il pubblico. Il film sarà distribuito in Italia dal 21 gennaio 2022.

Conferenza stampa Cyrano
Conferenza stampa di Cyrano durante la sedicesima edizione della Festa del Cinema di Roma 2021 – Photo by Elisabetta Villa/Getty Images for RFF

Note positive

  • Le interpretazioni di Peter Dinklage e Haley Bennett
  • La fotografia di Seamus McGarvey
  • Tutto il compartimento tecnico
  • La sceneggiatura di Erica Schmidt

Note negative

  • Ritmo a volte calante dettato dalla durata del film
  • Alcune scene musical di troppo e poco memorabili

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.