David Fincher

David Fincher: Sbagliando si impara

David Fincher: Sbagliando si impara 1

David Fincher

Nome: David Andrew Leo

Cognome:Fincher

Pseudonimo: David Fincher

Nato: Denver,28 agosto 1962

Nazionalità: Statunitense

Film Diretti: Alien3 (1992), Seven (1995), The Game-Nessuna Regola (1997), Fight Club (1999), Panic Room (2002), Zodiac (2007), Il curioso caso di Benjamin Button (2008), The Social Network (2010), Millenium-Uomini che odiano le donne (2011), L’amore bugiardo – Gone Girl (2014), Mank (2020).

Show Televisivi diretti: House Of Cards- Gli intrighi del potere(2013) episodi 1×01 e 1×02. MindHunter(2017) episodi 1×01, 1×02, 1×09, 1×10, 2×01, 2×02, 2×03

Effetti Visivi: Star Wars: episodio VI Il ritorno dello Jedi (1983, Richard Marquand), La storia infinita (1984,Wolfgang Petersen), Indiana Jones e il tempio maledetto (1984,Steven Spielberg)

David Fincher è ritenuto uno dei migliori registi dell’ultimo decennio, in grado di prendere sceneggiature solide e renderle sue portando sul grande schermo opere del calibro di The Social Network (2010), Fight Club (1999), Zodiac (2007) e Seven (1995). Ciò che lo ha reso peculiare non è tanto la scrittura nella sceneggiatura quanto la realizzazione di tecniche visive uniche che sfrutta nei suoi lavori. Al centro delle suo opere troviamo analizzato il lato più crudo e perverso che si nasconde in ognuno di noi, prendendo ispirazione dalla precisione di Stanley Kubrick e dalla capacità di Alfred Hitchcock nel creare atmosfere inquietanti e cupe, il cineasta nei suoi lavori ci farà domandare costantemente se il mondo è un luogo sicuro e se l’uomo può imparare dai suoi errori.

David Fincher: Sbagliando si impara 2
David Fincher sul set di The Social Network(2010)

Chi è David Fincher?

Prima di addentrarci nel fulcro dell’articolo, partiamo con una domanda fondamentale. Chi è David Fincher?

David Fincher è un regista e produttore statunitense nato a Denver il 28 aprile del 1962. Si avvicina al cinema non da regista ma occupandosi degli effetti visivi iscrivendosi alla Industrial Light And Magic e occupandosi di grandi film come: Il ritorno dello Jedi, La storia infinita e Indiana jones e il tempio maledetto. Nel 1984 dopo aver lasciato la ILM inizia a occuparsi di spot televisivi molto importanti come quelli della Coca Cola, Budweiser, Heineken, Pepsi-Cola, Levi’s, Converse e Chanel e allo stesso tempo si occupa di videoclip musicali per Madonna, Sting, Michael Jackson, Iggy Pop, George Michael, Billy Idol, Nine Inch Nails, The Rolling Stones e tanti altri. La sua opera prima è Alien3 (1992) che purtroppo non permette a Fincher di esprimersi al meglio, cosa che farà nel suo secondo lungometraggio Seven (1995) che gli permetterà di mostrare al grande pubblico le sue capacità. A oggi David Fincher ha diretto 11 film e vinto prestigiosi premi cinematografici grazie alla sua capacità di direzione di lungometraggi.

David Fincher: Sbagliando si impara 3
David Fincher

Fincher Vs Fincher

Passiamo ora al nocciolo dell’articolo, proviamo a spiegare il valore di David Fincher e l’importanza del suo cinema per il cinema. Il motto di David Fincher può benissimo essere “sbagliando si impara” perché nonostante alcuni insuccessi è riuscito sempre a migliorarsi e a innovarsi ed è stata proprio questa continua sfida contro se stesso e le sue precedenti opere che lo ha portato sempre a migliorarsi e a rendere ogni sua pellicola unica e memorabile con personaggi caratterizzati a modo e ambientazioni in simbiosi con la vicenda che Fincher ci vuole raccontare. Mettiamo infatti a confronto tutte le opere di Fincher, vedremo sempre un continuo voler sperimentare, che si lo ha portato delle volte a fallire come in Alien3 ma in seguito ad avere più confidenza con la macchina come nella sua seconda pellicola Seven. Negli anni la sua padronanza nel trasporre storie complesse e contorte è migliorata ed è grazie al suo impeccabile modo di dirigere un film se ci siamo innamorati della coppia Brad Pitt ed Edward Norton in Fight Club (1999) e se ci siamo appassionati alla storia del killer dello zodiaco in Zodiac(2007).

David Fincher: Sbagliando si impara 4

I dettagli fanno la differenza

Una delle altre peculiarità di Fincher è la vagonata di dettagli con cui riempie le sue opere, Dettagli che sono in grado di rendere un racconto di finzione reale e vicino alle nostre vite grazie anche alle storie che Fincher ci propone. Le vicende che narra tentano di mostrarci uno spaccato reale della nostra società piena di vizi e peccati perché a detta di Fincher, ogni uomo è perverso. Fincher è un esperto di CGI infatti nei suoi lavori sarà difficile distinguere quali sequenze sono filmate in CGI, motion control o con telecamera guidata da un uomo. Inoltre ispirandosi ad Alfred Hitchcock sa dell’importanza dei primi piani e quando vanno usati, e dunque li usa solo per mostrarci i dettagli che fanno la differenza. Quei dettagli che mandano avanti la trama e le vicende dei personaggi protagonisti delle sue opere, protagonisti ossessionati e convinti che la propria morale sia quella giusta. Infatti possiamo riscontrare molti concetti filosofici in vari personaggi di Fincher come Tyler Durden che ha tutte le carte in regola per essere paragonato a un “Oltre Uomo” di Nietzsche, dunque la caratterizzazione dei personaggi nelle opere di Fincher è un altro elemento che lo hanno reso uno dei migliori registi degli ultimi anni . Fincher è uno di quei registi che hanno uno stile ormai ben consolidato infatti riconoscerai un film di Fincher nei primi venti minuti o anche meno di riproduzione della pellicola

Dunque volendo riassumere un pò il tutto. David Fincher è uno dei registi più versatili degli anni 2000 e gli va il merito di aver diretto dei cult del cinema mondiale rendendo quasi ogni pellicola diretta da lui unica e peculiare grazie all’unione di ottima e formidabile regia, ottima caratterizzazione dei personaggi e una grande quantità di dettagli che accompagneranno lo spettatore in un mondo crudo e spietato che è quello delle opere di Fincher. Più vicino alla realtà di quanto si pensa

Leave a Reply