Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009): un ambizioso secondo capitolo

Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009) locandina

Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance

Titolo originale: Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (ヱヴァンゲリヲン新劇場版: 破)

Anno: 2009

Paese di Produzione: Giappone

Genere: animazione, azione, drammatico, fantascienza

Casa di produzione: Khara

Distribuzione: Dynit

Durata: 108min

Regia: Hideaki Anno, Masayuki, Kazuya Tsurumaki

Sceneggiatura: Hideaki Anno

Soggetto: Hideaki Anno

Montaggio: Hiroshi Okuda

Fotografia: Toru Fukushi

Character Design: Yoshiyuki Sadamoto

Musica: Shirō Sagisu

Doppiatori Originali: Megumi Ogata, Megumi Hayashibara, Yūko Miyamura, Kotono Mitsuishi, Fumihiko Tachiki, Yuriko Yamaguchi, Motomu Kiyokawa, Kōichi Yamadera, Maaya Sakamoto, Akira Ishida

Doppiatori Italiani: Daniele Raffaeli, Valentina Mari, Ilaria Latini, Stella Musy, Liliana Sorrentino, Massimo Corvo, Oliviero Dinelli, Francesco Prando, Monica Ward, David Chevalier

Trailer italiano di Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009)

Secondo capitolo della tetralogia di questo ambizioso progetto denominato “Rebuild of Evangelion“, dove Hideaki Anno vuole scrivere una nuova versione della sua opera più famosa. Dopo un primo film (Evangelion: 1.0 You Are (Not) Alone) “remake”, dove essenzialmente ci viene riproposta la trama delle primissime puntate della serie (anche se con qualche lieve differenza), il secondo capitolo ha l’obbligo di provare a mettere le basi per un qualcosa di veramente nuovo ed innovativo.  

La realizzazione dei desideri personali si ottiene soltanto con l’impegno e il sacrificio; non piove dal cielo come un regalo di qualcun altro.

Gendō Ikari – Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009)

Trama Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009)

Continua la lotta serrata dell’umanità, rappresentata dai membri dell’Agenzia Speciale Nerv, alle misteriose creature chiamate “Angeli“. Cresce il numero di Children selezionati e facciamo la conoscenza di Asuka, Mari e Kaworu. Mari, pilota dell’unità 05, distrugge il terzo “Angelo”. Poco dopo, un nuovo attacco viene respinto da Asuka, con l’unità 02. La battaglia si fa sempre più estenuante, nella speranza di prevenire il Third Impact.

Le persone che conoscono il dolore sono più disposte ad essere gentili con gli altri, e questo non è segno di debolezza.

Ryōji Kaji – Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009)

Analisi Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009)

Se il primo capitolo era un prologo molto fedele delle prime puntate della serie tv originale (seppur con qualche lieve differenza), questo secondo capitolo cerca di scindersi abbastanza dalla storia che abbiamo già visto e abbiamo imparato ad amare per creare una nuova versione. Ci troviamo quindi davanti a un ambizioso tentativo di creare una nuova e rivoluzionaria versione della storia di Evangelion più propensa a uno sviluppo della trama piuttosto che a un approfondimento psicologico dei personaggi; è quindi bene cercare il più possibile di scindere i personaggi visti in questo film con le controparti viste nella storica serie tv.

Come detto precedentemente ci troviamo di fronte ad una nuova versione del mondo di Evangelion dove anche se la maggior parte delle vicende sembrano essere già viste, le variazioni attuate sono piuttosto importanti e ambiziose a partire dalla caratterizzazione e sviluppo di qualche personaggio, uno su tutti in questo film è sicuramente il personaggio di Rei. Rei Ayanami ha sicuramente avuto un ruolo “privilegiato” rispetto agli altri personaggi in questo secondo capitolo, che vengono per lo più ridimensionati, la ragazza invece viene sempre più umanizzata assumendo un comportamento sicuramente più altruista ed empatico.

Per quanto riguarda la stragrande maggioranza dei personaggi principali, come accennato prima, vengono presentati molte volte solo superficialmente senza sviscerare davvero il loro vero essere. L’approfondimento di certi personaggi come Asuka, Kaji, Misato o addirittura il protagonista Shinji vengono ridimensionati o almeno ci viene mostrato davvero il minimo indispensabile per il coinvolgimento dello spettatore e per il proseguo della trama. Vengono introdotti anche nuovi e inediti personaggi come Mari che purtroppo però fa solo qualche sporadica apparizione senza venir approfondita ma che comunque rimane funzionale alla storia.

Anche in questo capitolo se l’aspetto profondo e psicologico viene messo da parte al fronte di un maggiore coinvolgimento nello sviluppo della trama (cosa molto ambiziosa per un prodotto come Evangelion), il comparto visivo e d’intrattenimento è davvero notevole. Le animazioni, i disegni, gli sfondi e gli effetti speciali, tutto è davvero di alto livello. La colonna sonora d’altronde non è da meno, le musiche infatti riescono a conferire a molte scene chiave e d’impatto un’atmosfera e un contrasto davvero unico e speciale. L’unica pecca che si potrebbe fare a questo grandissimo lavoro visivo è la C.G.I. che purtroppo non sempre si mescola bene all’animazione classica con un risultato troppo pesante della scena che stiamo vedendo.

In conclusione

Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance getta le basi per quella che sarà la vera e propria rivoluzione del capolavoro di Hideaki Anno. A discapito di una preferenza di non concentrarsi sull’aspetto psicologico dei personaggi ma sullo sviluppo della trama, questo secondo capitolo della tetralogia per il cinema intrattiene grazie allo splendido comparto audio visivo e incuriosisce grazie agli ambiziosi cambiamenti della storia.

Forza, l’ora promessa è ormai giunta, Shinji Ikari.

Kaworu – Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance (2009)

Note positive:

  • Comparto audio-visivo, anche in questa occasione, davvero di alto livello
  • Maggiore concentrazione sullo sviluppo della storia principale
  • Nuovo sviluppo del personaggio di Rei Ayanami

Note negative:

  • C.G.I. che qualche volta non si mescola bene all’animazione tradizionale
  • Molti personaggi principali vengono ridimensionati

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.