Lo sceneggiatore KD Davila parla del film Emergency (2022)

KD Davila è una sceneggiatrice e cineasta messicana – americana che vive stabilmente a Los Angeles, diplomatasi in scrittura creativa alla Princeton University e in scrittura per il cinema e la televisione alla USC’s School of Cinematic Arts. Da lei prende vita il film Emergency presentato in anteprima mondiale al Sundace Film Festival 2022 e successivamente trasmesso in Italia sulla piattaforma Prime Video dal 27 maggior 2022. Precedentemente a questo lungometraggio ha realizzato come regista il cortometraggio Please Hold nominato come miglior cortometraggio alla 94ª edizione dei premi Oscar.

Quali esperienze hanno ispirato la storia di Emergency?

La storia si ispira a veri elementi del mio passato. Io sono messicana – americana e sono cresciuta a Los Angeles. Nella mia famiglia sono la persona meno scura di pelle, quasi pallida, eppure mio padre e altri uomini della mia famiglia venivano spesso fermati dalla polizia perché corrispondevano alla descrizione di un sospetto”. Ricordo di averne parlato con mio padre, di questa faccenda, e lui non riusciva a credere che essere fermati abitualmente per strada dalla polizia e perquisiti di continuo senza un reale motivo non fosse un esperienze universale di tutte le etnie.

Crescendo nella comunità latina ho notato come molti dei miei amici e membri della mia famiglia dovevano costantemente fare conto con il modo in cui gli altri gruppi etnici li percepivano, cercando in tutti i modi di non venire percepiti nel modo sbagliato. Molti membri della comunità latina e nera vivono all’interno di un clima di terrore e di paura di essere fermati e circondati dalla polizia. Io e Carey Williams volevamo fare un film che toccasse con mano questa sensazione di paura dentro una situazione di vita quotidiana. Cosa significa vivere in un paese in cui una parte importante della popolazione ha una maggior paura di quello che potrebbe succedere se chiamasse il 911 per chiedere aiuto durante un’emergenza che dell’emergenza stessa?

C’erano aspetti specifici della trama che eri entusiasta di espandere in questo film?

Emergency era originariamente un cortometraggio. Nel trasformarla in lungometraggio è stato interessante ed eccitante l’approfondire le relazioni tra i vari personaggi e osservare il loro processo di pensiero mentre prendono delle difficili decisioni e poi poter vedere le conseguenze di queste decisioni su di loro e sugli altri. Possiamo vedere Sean e Kunle piegarsi in due nel tentativo di anticipare il modo in cui gli altri li percepiscono, e poi vediamo come tutte le cose che hanno fatto per cercare di evitare il conflitto portano solo a ulteriori conflitti.

Una delle cose più grandi che abbiamo aggiunto nel processo di adattamento del cortometraggio al lungometraggio è stata l’aggiunta di Maddy e dei suoi amici, che operano come antagonisti in un film d’inseguimento. Lo consideriamo il più piccolo road trip movie del mondo, perché doveva essere un viaggio di venti minuti, ma è sfuggito rapidamente al controllo.

Kd Davila - La sceneggiatrice di Emergency (2022)
Kd Davila – La sceneggiatrice di Emergency (2022)

Puoi parlare del tuo rapporto di lavoro con il regista Carey?

Carey e io ci siamo incontrati al Project Involve di Film Independent quando abbiamo fatto un cortometraggio insieme. Abbiamo realizzato il corto Emergency, che è stata una grande esperienza di collaborazione. Ho presentato il concetto a Carey e lui ha davvero elevato il corto con il suo stile visivo unico. È andata così bene che abbiamo deciso di continuare a lavorare insieme al lungometraggio! Abbiamo molta fiducia l’uno nell’altro. Lui è così bravo a smuovere gli attori e a catturare la loro vulnerabilità. Mi sento molto fortunato che abbiamo potuto fare questo film insieme.

Come ci si sente a vedere la storia trasformarsi in un lungometraggio?

È un po’ surreale, a essere onesti. Come scrittore, sogni le cose nella tua testa – vedi le scene, senti le voci dei personaggi, immagini come saranno. Vedere tutto questo diventare realtà è stato davvero divertente da guardare. Gli attori portano così tante delle loro energie uniche in questi ruoli. Inoltre, i set della festa erano così belli. Ho scritto una battuta in un copione su una stanza verde con pareti sfocate, e poi ho potuto camminare su un set con pareti verdi sfocate! Questo è magico. Il nostro production designer Jeremy Woodward è stato fantastico e ha prestato molta attenzione a tutti i dettagli. Vorrei poter vivere sui suoi set cinematografici.

Perché pensa che Emergency sia una storia importante da raccontare ora?

È divertente perché quando io e Carey stavamo originariamente uscendo e presentando la trama, improvvisamente la gente ha iniziato a dirci: “Oh wow, questa storia è così attuale”. Perché c’erano tutte queste notizie sulle sparatorie della polizia che stavano uscendo. Eppure, io e Carey ci stavamo lavorando da diversi anni a quel punto. Perché per noi, questo non era affatto un problema nuovo. Questo è un problema che la comunità afroamericana ha affrontato per molto tempo. E a Los Angeles, dove sono cresciuta, è anche una questione latina. C’è stata tensione tra le forze dell’ordine e le comunità di colore, che è costantemente sorvegliata, e finalmente la gente sta prestando attenzione, vedendo il danno che è stato fatto. Volevamo esaminare ciò che questa rottura della fiducia ha fatto ai giovani in particolare. Cosa succede quando non sei sicuro di poter chiamare aiuto in caso di emergenza, senza che ti succeda qualcosa di brutto? Questa storia doveva essere raccontata. E sono felice che abbiamo avuto l’opportunità di raccontarla.

Hai detto che tu e Carey eravate in discussione prima della pandemia e delle situazioni che si sono verificate nel 2020. Cosa ha ispirato questa storia? C’è stata un’esperienza particolare che ha ispirato questa storia tra te e Carey?

Ci sono state alcune esperienze reali che hanno ispirato questa storia. Ho avuto diversi amici che si sono trovati in situazioni simili a quelle del film. Uno dei miei amici, che è anche chicano, ha affrontato una situazione simile: una giovane donna bianca a caso si è presentata alla sua porta, super ubriaca, ed è svenuta. Il mio amico è una persona dolcissima. Ha adottato l’approccio da buon samaritano e ha detto: “Sarò la persona gentile e la riporterò indietro da dove è venuta”. Poi ha iniziato a guidare e gli è venuto in mente che lui aveva questa donna bianca svenuta nella sua macchina, e non era una bella cosa. Ricordo che mi disse: ‘È stato il viaggio più lungo della mia vita. Se hai la pelle chiara e sei una donna, potresti non dover pensare alle conseguenze della semplice chiamata al 911. Per me e Carey, una grande domanda del film si riduce a: “E se tu avessi più paura di chiamare il 911 che dell’emergenza stessa? Questo film illustra una situazione con cui molte persone possono relazionarsi, e le persone che non si sono trovate in una situazione possono anche mettersi in quella posizione e vederla anche se non ci sono passate”.

Quanto è importante per lei lo storytelling originale?

La narrazione originale è così importante. Ci sono così tante storie che non sono state raccontate. Ci sono così tante comunità che non hanno avuto la possibilità di far raccontare le loro storie. Lo vediamo come un’opportunità per raccontare le nostre storie, sulle cose che le nostre comunità sperimentano giorno per giorno. È fantastico poterlo fare. Sono una grande sostenitore del fatto che l’originalità riguarda più il modo in cui si sceglie di raccontare una storia che qualsiasi altra cosa. E abbiamo cercato di fare qualcosa di unico qui – è una sorta di commedia oscura ibrida/thriller. Tratta temi oscuri ma speriamo che faccia anche ridere la gente lungo la strada.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.