Mancino naturale (2021): un biopic sul mondo del calcio

Condividi su
Mancino naturale locandina film

Mancino Naturale

Titolo originale: Mancino Naturale

Anno: 2021

Nazione: Italia

Genere: Drammatico

Casa di produzione: Emma Film

Distribuzione: Adler Entertainment

Regia: Salvatore Allocca

Sceneggiatura: Salvatore Allocca, Emiliano Corapi, Massimo De Angelis, Simone Lenzi

Fotografia: Francesco Di Pierro

Montaggio: Lorenzo Peluso

Musiche: Francesco Cerasi

Attori: Claudia Gerini, Francesco Colella, Alessio Perinelli, Katia Ricciarelli, Massimo Ranieri, Francesca De Martini, Stefano Scandaletti, Alessio Vassallo, Alessandro Bressanello, Federico Tocci

La periferia, i sogni di un ragazzo e una madre pronta a incoraggiarlo. Questo è “Mancino Naturale“, film scritto e diretto dal regista Salvatore Allocca, basato sulla vita del calciatore Paolo Rossi. Il film è stato distribuito al cinema il 31 marzo 2022 per Adler Entertainment.

Trama del film “Mancino Naturale”

In una piccola città della periferia di Roma una madre vedova (Isabella) vive e affronta diversi problemi insieme a suo figlio (Paolo), incoraggiandolo a diventare un calciatore di alto livello, in ricordo di quello che è stato suo padre.

Fotogramma di Mancino naturale
Fotogramma di Mancino naturale

Recensione del film “Mancino Naturale”

Il film di Salvatore Allocca offre una prospettiva in più sul trascorso dei ragazzi divenuti leggende dello sport, correndo il rischio di risultare alquanto ripetitivo. La trama non aggiunge nulla in più a quello che si è già visto in altri tipi di pellicole, denotando la sua poca originalità e voglia di cambiamento. Gli attori e il modo di recitare risulta poco credibile (soprattutto quello del protagonista Paolo), eccezion fatta per una splendida Claudia Gerini, capace di tenere “le redini del gioco”, attraverso sentimenti che traspaiono sul suo volto in ogni scena.

Le novità in questo film sono, a vederle, poche. Non abbiamo dinamismo, il che è una mancanza importante in un film sportivo, e ci viene mostrato un rapporto genitore/figlio fin troppo semplificato attraverso l’uso di dialoghi brevi e poco significativi. Le figure aggiuntive dei nonni e del procuratore (Massimo Ranieri) sono poco efficaci ai fini dello sviluppo della storia a differenza del vicino di casa, elemento apprezzabile nel fare riflettere Paolo al fine di fargli prendere alcune decisioni importante. Alla fine nel film la vera protagonista sembra essere più la madre che il figlio stesso, rovesciando, probabilmente, l’obiettivo stesso della pellicola.

Fotogramma di Mancino Naturale
Fotogramma di Mancino Naturale

In conclusione

Un film, direi, senza infamia e senza lode ma, sicuramente, attraverso scelte stilistiche diverse, si sarebbe potuto creare un lungometraggio molto più completo.

Note positive

  • La recitazione d’Isabella (Claudia Gerini)
  • Alcune scene in intimità madre/figlio

Note negative

  • Dialoghi semplici
  • Credibilità degli attori

Condividi su

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.