N. Gaiman, A. Heinberg e David S. Goyer parlano di The Sandman

In “The Sandman” è possibile ritrovare un ricco connubio di mitologia e fantasy dark in cui la fiction moderna si intreccia con il dramma storico e la leggenda. La trama segue i personaggi e i luoghi finiti sotto l’influenza di Morfeo, il signore dei sogni che pone rimedio agli errori cosmici (e umani) da lui commessi durante la sua lunga esistenza. La serie disponibile in streaming su Netflix dal 5 Agosto 2022 è stata realizzata dal team creativo: Neil Gaiman, Allan Heinberg e David S. Goyer, i quali hanno dichiarato ciò riguardo a The Sandman.

Neil, in quanto autore dei fumetti e creatore di questo mondo, perché pensi che ora, a più di 30 anni dalla pubblicazione dei primi fumetti originali, sia finalmente il momento giusto per adattare Sandman?

GAIMAN: Per oltre 30 anni, la mia parte negli adattamenti di Sandman è stata solo quella di cercare d’impedire che accadessero quelli cattivi. E fortunatamente, ho sempre avuto successo in questo. Siamo arrivati al 2020 e Sandman era la più grande proprietà dei fumetti DC che non era ancora stata adattata: era ampiamente considerata uno dei gioielli della corona; è stato il fumetto per adulti che ha cambiato tutto. Con questo adattamento è la prima volta che sono disposto a salire a bordo. Abbiamo raggiunto un punto che in realtà non esisteva quando sono iniziati i fumetti di Sandman. Le serie televisive fantasy ora hanno gli effetti speciali e i budget per dare vita a questo mondo. Tecnologicamente, penso davvero che in questo momento siamo pronti per realizzare questo show, in un modo che non avremmo potuto sognare né 15, né 10 anni fa. Ora si può realizzarlo, ma non è stato facile, anzi, però le risorse ci sono, le persone pure come anche le competenze e c’è la determinazione… Il fatto è che ora abbiamo un’intera generazione di persone creative di alto livello che sono cresciuti leggendo questo fumetto e che lo amano e desiderano ardentemente dargli vita con piena autenticità. Questo Sandman è stato creato da persone che amano questo universo ed è davvero incredibile per me, è una cosa così speciale… Mi sento come se fossi al culmine e non vedo l’ora che la gente veda questo spettacolo.

E perché questo specifico team creativo si è adattato così bene alla storia?

DAVID S. GOYER: Sono un lettore di fumetti di lunga data e ho preso in mano il primo numero di The Sandman quando era sugli stand della mia fumetteria locale nel 1989. Inizialmente, l’ho letto solo perché è stato pubblicato e il mese successivo l’ho acquistato come fan, e come molte persone, ero semplicemente sbalordito e stupito da quanto fosse creativo e rivoluzionario. Alla fine degli anni ’90, ho adattato un racconto di Neil intitolato “Murder Mysteries“, e nel corso degli anni abbiamo sviluppato un’amicizia.

GAIMAN: David S. Goyer era stato un produttore esecutivo dell’unico adattamento cinematografico di SANDMAN che mi fosse davvero piaciuto. E quando quel progetto è andato via, David e io abbiamo iniziato a parlare dell’idea di farlo come progetto seriale.

GOYER: Poiché stavo lavorando a un altro show, non potevo essere lo showrunner di questo. Dovevo trovare qualcuno, un terzo moschettiere, che amasse il fumetto tanto quanto Neil e me. Sono amico di Allan Heinberg da anni. Lui non conosceva Neil, quindi ho organizzato una cena. Neil è rimasto colpito dal fatto che Allan non stesse solo camminando, ma ha parlato. Neil ha capito subito che Allan amava i fumetti tanto quanto me.

ALLAN HEINBERG: Mi sono innamorato di questa storia quando uscivano i fumetti negli anni ’80, quando ero al college. Ho lavorato con Shonda Rhimes per circa 15 anni e il mio contratto con la ABC era scaduto, quindi ho incontrato la Warner Brothers nel maggio del 2019. Alla fine dell’incontro, ho detto: “Cosa state facendo con Sandman?” E hanno detto: “Lo stiamo effettivamente portando agli streamer ma non abbiamo uno scrittore e non abbiamo uno showrunner. David S. Goyer sta producendo, lo conosci?” Quando sono arrivato alla mia macchina, David mi aveva chiamato. Questo era tutto. Sono entrato nel lavoro dei miei sogni.

GAIMAN: Noi tre abbiamo deciso di scrivere insieme il primo episodio, lo abbiamo diviso in tre parti e siamo andati via e ognuno ne ha scritto un terzo. Poi siamo tornati e abbiamo lavorato insieme alla sceneggiatura. Allan, in qualità di nostro showrunner, si è assunto la responsabilità generale di portarlo sullo schermo, ma la cosa bella era averlo come sceneggiature prima che ci fosse una stanza degli sceneggiatori. Avevamo impostato il tono, e il tono era Sandman.

GOYER: E poi abbiamo lanciato il concetto e, con nostra gioia, abbiamo scoperto che Netflix sarebbe stata la casa giusta per The Sandman. Poi Allan e io siamo andati nello stato di New York, dove Neil ha una casa magica, siamo rimasti per alcuni giorni, e durante quel periodo abbiamo scritto il pilot insieme. È così bello che una serie TV sia nata da queste due amicizie che avevo e che tutti e tre ci siamo uniti attraverso un legame genuino. Ci sono voluti 30 anni per realizzare questo spettacolo, e per me personalmente ci sono voluti più di un decennio, ma alla fine sembra che sia stato realizzato nelle giuste circostanze.

GAIMAN: Sandman è così grande. Sono 75 numeri più uno speciale, più altre cose, e ti imbatti immediatamente nella domanda su cosa buttare fuori. Cosa butti via? Cosa lasci? E come si fa a buttare via quella roba e a tenerla ancora. Perché se perdi “A Dream of a Thousand Cats”, se perdi Shakespeare, se perdi la convenzione dei serial killer, se perdi la sequenza di Un sogno di mezza estate, all’improvviso non è più Sandman. La cosa gloriosa è che Warner Brothers e Netflix si sono assolutamente fatti avanti. Ho accettato di farlo con la certezza che quello che stavo facendo sarebbe stato Sandman, e lo è.

Lo sceneggiatore Neil Gaiman sul set di The Sandman - prima stagione. Cr. Ekua King/Netflix © 2022
Lo sceneggiatore Neil Gaiman sul set di The Sandman – prima stagione. Cr. Ekua King/Netflix © 2022

In che modo il team ha bilanciato il rimanere fedele ai fumetti mentre continuava a espandere e, a volte, apportare modifiche alla storia?

GAIMAN: Ciò che è stato così interessante nella prima stagione, che sono fondamentalmente le prime due graphic novel – PRELUDES AND NOCTURNES e LA CASA DELLE BAMBOLE – è il modo in cui continuiamo a tornare al fumetto. Il fumetto è il posto in cui andiamo per la risoluzione dei problemi. Quando ci metteremo nei guai nella sceneggiatura, torneremo indietro e diremo: “Beh, cosa è successo nel fumetto? Come è stato detto?” E molto spesso questo ci darà la chiave per uscire dai guai.

GOYER: Volevamo che tutte le persone coinvolte nella realizzazione di questo spettacolo trattassero gli attributi della storia come caratteristiche e non problemi da risolvere. Sandman è eccentrico. Cambia genere. È una fantasia storica. È una storia dell’orrore. È un dramma moderno. È alta fantasia. Gli adattamenti del passato hanno cercato di sottomettere questa storia complessa e di dire: “È solo questo tipo di storia“, quando in realtà è ogni tipo di storia. Gli spettacoli di successo in questi giorni non seguono le regole, allo stesso modo in cui Neil non ha seguito le regole quando ha scritto i fumetti.

Puoi parlare di alcuni degli aggiustamenti narrativi chiave che hai apportato in questa stagione, rendendo Johanna Constantine un attore chiave al contrario di John Constantine dei fumetti, scegliendo donne e attori di colore in ruoli chiave che si discostano dai fumetti, espandendo il ruolo del Corinzio… Qual è la motivazione alla base di questi cambiamenti?

GAIMAN: È stato incredibilmente liberatorio essere in grado di guardare tutto da una prospettiva attuale, e arrivare a chiedere: “Beh, se dovessi iniziare a scrivere questa storia adesso, lo farei comunque?” Siamo stati in grado di dare un nuovo senso di equilibrio ai personaggi, credo.

HEINBERG: Fin dal primo lancio, Neil stava già pensando a come rendere lo spettacolo il più inclusivo possibile. I fumetti di erano molto più avanti di tutti alla fine degli anni ’80 in termini di rappresentazione delle donne, razza, sessualità e genere. Neil parlava di tutti questi problemi molto prima di chiunque altro, specialmente in un mezzo come i fumetti. Ma nel creare The Sandman per il 2022, sapevamo di voler espandere il mondo e apportare alcune modifiche.

Cosa sei più entusiasta che i fan di vecchia data di SANDMAN vedano in questa serie?

HEINBERG: Ho il vantaggio di essere uno di quei fan. Se qualcun altro avesse adattato questo spettacolo e lo avesse portato in televisione, lo considererei prima di tutto un fan. Quindi sto osservando ogni elemento dello spettacolo attraverso quell’obiettivo e sto cercando, non solo di offrire, ma di migliorare e sorprendere. Non sempre sapranno cosa c’è dietro l’angolo. Alla fine ci arriveremo, ma Neil è stato molto, molto pronto a fare deviazioni e ad approfondire il nostro tempo con i personaggi.

GOYER: Sappiamo che questa proprietà è quasi sacra per così tante persone. Penso che i fan dei fumetti rimarranno scioccati da quanto sia fedele questo adattamento. Tutti i loro amati personaggi sono lì dentro; non abbiamo spogliato nessuno o niente perché è troppo strano o difficile da adattare. Ho un’esperienza extracorporea mentre guardo gli episodi, perché da fan non riesco a credere a quello che vedo; perché tutto prende vita come sognavo da trent’anni.

GAIMAN: Sappiamo di avere un enorme fandom là fuori. Per me personalmente, vedere tutto questo prendere vita è stato commovente e spesso anche travolgente. E penso che per i fan, vedere questa cosa prendere carne, vedere questa cosa iniziare a volare, ascoltarla, assaporarla — significherà molto. Ci sono migliaia e migliaia di persone là fuori con i tatuaggi di Sandman perché significava così tanto per loro. E voglio che tutti loro – perché saranno tutti preoccupati che stiamo facendo qualcosa di spazzatura – siano un po’ più felici dopo aver visto il primo episodio. Ogni parte di questo spettacolo sembra Sandman. E questa, per me, è la parte più importante e ciò che rende il mio cuore più felice. Sono davvero entusiasta che i fan vedano questa storia che, fino a ora, e per oltre 30 anni, è stata solo nelle loro teste, e che è realmente accaduta.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.