The lost city (2022): una bizzarra commedia all’americana

Condividi su

The lost city

Titolo originale: The Lost City

Anno: 2022

Paese: Stati Uniti d’America

Genere: Azione, Avventura, Commedia

Casa di Produzione: 3dot productions, Exhibit A, Fortis Films

Distribuzione italiana: Eagle Pictures

Durata: 112 min

Regia: Aaron Nee, Adam Nee

Sceneggiatura: Dana Fox, Oren Uziel, Adam Nee

Fotografia: Jonathan Sela

Montaggio: Craig Alpert

Musiche: Pinar Toprak

Attori: Sandra Bullock, Channing Tatum, Daniel Radcliffe, Da’Vine Joy RandolphOscar NuñezPatti Harrison, Bowen Yang, Brad Pitt, Raymond Lee

Il trailer del film

Trama del film

Loretta è una scrittrice di romanzi rosa, pieni di tombe antiche e avventure audaci, ma ciò non significa che lei sia, nella realtà, un esperta del settore, anzi è esattamente il contrario. Un giorno viene rapita da un eccentrico miliardario (Daniel Radcliffe), un fanatico desideroso di localizzare una leggendaria città perduto al fine di trovare un mitico tesoro. Sarà Alan (uno dei personaggi dei suoi racconti) a lanciarsi in un epica corsa nella giungla per aiutarla.

Recensione del film

Una giungla piena di effetti speciali e poco più. È questo che vi aspetta nella visione di “The Lost City“, una vera e propria parodia in pieno stile americano dei film di avventura. Già dagli albori, infatti, si decide di puntare su attori di spessore (Sandra Bullock e Channing Tatum) in modo da creare la coppia che “scoppia”, gli opposti che si attraggono. Il risultato è uno sviluppo già delineato che non sorprende lo spettatore. Loretta (la protagonista della storia), una scrittrice best-seller che si ritrova lei stessa in una delle avventure dei suoi libri non è quella miccia che incendia un capanno di paglia. La scrittura e i dialoghi si basano su un’attrazione sbugiardata ma già ben percepibile tra i personaggi e su di un’ironia spesso non riuscita e, per di più, che non convince più di tanto.

                   Loretta (Sandra Bullock) ed Alan (Channing Tatum) in the Lost City
Loretta (Sandra Bullock) ed Alan (Channing Tatum) in the Lost City

L’errore più difficile da accettare è quello di avere dato poche scene al personaggio più a fuoco e, in questo caso, parlo di Jack Trainer (Brad Pitt). La sua lunga e folta chioma bionda e la sua abilità nelle scene dell’azione sono tra i pochi motivi per cui decidere di continuare a vedere questa pellicola. La sensazione nel vedere le situazioni, infatti, è che si sappia già in che modo andrà a finire e la scrittura, piatta e noiosa, non aiuta a dire il contrario. Tra gli aspetti da considerare, in più, c’è anche il carisma dei protagonisti che non corrisponde a colui che, in teoria, sarebbe il personaggio maligno di questa storia (Daniel Radcliffe). Lo si vede, infatti, poco a suo agio in questo tipo di ruolo e non riesce a trasmettere quella giusta dose di pathos. La scelta di usare molti effetti grafici non innalza il livello del film e, anzi, lo rende ancora meno credibile e troppo artificioso. Persino l’assistente di Loretta (Beth) è poco utile ai fini della trama. In definitiva la scena della fuga di Loretta nel carretto, trainata da Jack e Alan, rimane uno dei pochi spunti che fanno realmente sorridere in un’ora e poco più di noia.

Conclusioni

The lost city è una parodia al pari di Jumanji – Benvenuti nella giungla, incapace sia di togliere che di aggiungere spunti degni a questo genere.

Note positive

  • La scena action della fuga
  • Il personaggio di Jack Trainer (Brad Pitt)
  • L’ironia in alcuni dialoghi

Note negative

  • Trama prevedibile
  • Effetti speciali poco curati
  • Antagonisti

Condividi su

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.