Gasoline Rainbow (2023). Ultima avventura suggestiva di cinque giovani amici

Condividi su

Trailer di Gasoline Rainbow

Trailer del film Gasoline Rainbow

Informazioni sul film e dove vederlo in streaming

Gasoline Rainbow è l’ultima opera dei due fratelli Bill e Turner Ross. Un film che richiama il road movie a cui si unisce il racconto del coming of age sofferto e rappresentativo dei giovani che vivono nelle piccole cittadine statunitensi.

Il film è stato presentato in anteprima alla 80 Mostra del Cinema di Venezia, nella sezione Orizzonti, il 7 settembre 2023. Verrà proiettato in un numero limitato di sale americane a partire dal 10 maggio 2024 e, successivamente, sarà disponibile dal 30 maggio in streaming sulla piattaforma MUBI.

Trama di Gasoline Rainbow

È la storia di cinque adolescenti che, prossimi al diploma, decidono di intraprendere un viaggio verso la costa del Pacifico. Nathaly, Makai, Nichole, Tony e Micah sono stanchi della vita che li circonda e vogliono allontanarsi da ciò che l’età adulta potrebbe riservare loro. Durante il loro percorso, incontrano nuove persone e vivono momenti indimenticabili. La loro avventura culmina in una festa alla fine del mondo, che segna un momento di crescita personale e di profonda amicizia. 

Gasoline Rainbow - Una scena d'insieme
Gasoline Rainbow – Una scena d’insieme

Recensione di Gasoline Rainbow

Ideato in periodo di lockdown, la pellicola mette insieme una serie di immagini quasi amatoriali, con macchine da presa a mano piuttosto che l’uso di riprese fatte con gli stessi smartphone dei protagonisti. Un racconto che viaggia sul binario della docufiction e che dona delle immagini che sono paragonabili a fotografie d’autore. La narrazione di una generazione Z alla ricerca di se stessa in un mondo che pare troppo grande per loro.

I fratelli Ross, con il loro lungometraggio Gasoline Rainbow, continuano a esplorare un cinema meno convenzionale, sperimentando al massimo le loro capacità. Il film è quasi un documentario che segue cinque giovani americani nel momento in cui devono iniziare a pensare alla loro vita da adulti.

La trama non è rigidamente definita, ma si sviluppa attorno al viaggio di Nathaly, Makai, Nichole, Tony e Micah. Questi cinque amici intraprendono un ultimo viaggio spensierato, con pochi soldi e un obiettivo chiaro: raggiungere l’oceano, che rappresenta per loro un senso di libertà mai sperimentato a causa della distanza.

Durante il viaggio, incontrano persone che cambieranno le loro vite. Dall’uomo che li porta a una festa nel deserto alla ragazza che li introduce a luoghi inimmaginabili, questi incontri non sono casuali. Rappresentano la diversità degli Stati Uniti, con le sue realtà sfaccettate e diverse. Anche la coppia che li coinvolge nel train surfing apre nuove emozioni per i giovani. E il gruppo, che i cinque definiscono “vecchio” (anche se sono solo millennial), li accompagna in un territorio familiare che, per alcuni di loro, è solo un vago ricordo.

Gasoline Raibow - Un frame dalla pellicola
Gasoline Raibow – Un frame dalla pellicola

Tecnica e autorialità di qualità

Gasoline Rainbow è un film che si distingue per la sua originalità. La trama, sebbene intrigante, non è l’unico punto focale. Gli aspetti tecnici, come la fotografia e il montaggio, giocano un ruolo fondamentale nel creare un’esperienza coinvolgente.

I registi Turner Ross e Bill Ross IV dimostrano la loro esperienza. Le immagini emozionanti e le transizioni interessanti arricchiscono questo road movie, accompagnando lo spettatore nel viaggio dei cinque protagonisti. Le musiche di Casey McAllister, con citazioni che spaziano dai Beatles a Enya, aggiungono ulteriore profondità ai personaggi. Ciò li distingue dalla generazione di fruitori passivi, a cui i social ci ha abituato.

I cinque amici affrontano il loro coming of age, si scontrano con i loro fantasmi e riflettono sulla loro esistenza. Il film offre uno sguardo autentico e coinvolgente sulla crescita personale e l’amicizia.

Gasoline Rainbow - Un frame della pellicola dei fratelli Ross
Gasoline Rainbow – Un frame della pellicola dei fratelli Ross

Una gioventù rappresentata con onestà

I protagonisti – Nathaly, Makai, Nichole, Tony e Micah – non sono attori professionisti, ma portano sullo schermo loro stessi. Ognuno di loro affronta sfide personali: il pregiudizio legato al colore della pelle, una famiglia complicata o la lotta per sopravvivere. Nonostante le difficoltà, i protagonisti riescono a conquistare l’empatia degli spettatori.

Anche i personaggi comprimari contribuiscono ad amplificare gli aspetti emotivi della storia. Il viaggio dei ragazzi, sebbene mitigato, li porta a incontrare persone gentili e ospitali. I registi hanno come obiettivo la celebrazione della crescita personale dei protagonisti, usando ogni mezzo possibile perché il film sia suggestivo e coinvolgente.

In conclusione

L’opera dei fratelli Ross è un’esperienza visiva e musicale affascinante, con una narrazione che incuriosisce. Le suggestioni evocate sono irresistibili e penetrano profondamente. Nonostante la distanza dal mondo del vecchio continente, l’opera va apprezzata senza pregiudizi, lasciandosi guidare dall’estetica e dall’emotività. Non è un film semplice, ma sicuramente meritevole, come dimostra il discreto successo alla Mostra del Cinema di Venezia del 2023.

Note positive

  • Fotografia e musiche ben realizzate
  • Una storia che non scade nella banalità

Note negative

Troppo legato a una realtà USA

Condividi su
Renato Soriano
Renato Soriano

Mi occupo di spettacolo ed eventi culturali dal lontano 1991. Nasco come attore per diventare poi regista e autore teatrale. I miei studi mi hanno portato a specializzarmi verso la rappresentazione omonormativa nel cinema, italiano e non. Inoltre, sono ideatore del progetto TeatRealtà, legato alla consapevolezza delle nuove tecnologie usando il teatro come realtà.

Articoli: 39

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.