La famiglia Addams 2 (2021): quando i bambini crescono

La famiglia Addams 2 locandina

La famiglia Addams 2

Titolo originale: The Addams Family 2

Anno: 2021

Paese: Gran Bretagna, Canada, Stati Uniti d’America

Genere: Animazione, Commedia

Produzione: BRON Studios, BermanBraun, Bron Creative

Distribuzione: Eagle Pictures

Durata: 93 min

Regia: Greg Tiernan

Sceneggiatura: Dan Hernandez, Benji Samit

Montaggio: Ryan Folsey

Musiche: Jeff Danna, Mychael Danna

Attori: Virginia Raffaele, Pino Insegno, Eleonora Gaggero, Luciano Spinelli, Loredana Bertè, Charlize Theron, Oscar Isaac, Chloë Grace Moretz, Bette Midler, Nick Kroll, Conrad Vernon, Snoop Dogg, Javon ‘Wanna’ Walton, Bill Hader

Trailer italiano de La famiglia Addams 2

La famiglia più spaventosa di tutti i tempi, creata dalla penna dell’umorista americano Charles Addams, alle prese con una nuova avventura, torna al cinema il 28 ottobre, giusto in tempo per Halloween, nel sequel d’animazione “La famiglia Addams 2” diretto da Greg Tiernan. Il film viene annunciato nell’ottobre 2019, a seguito del buon successo ottenuto dal primo capitolo. Il cast di doppiatori nell’edizione italiana è composto da Pino Insegno (Gomez Addams), Virginia Raffaele (Morticia), Eleonora Gaggero (Mercoledì), Luciano Spinelli (Pugsley), Raoul Bova (Zio Fester) e la mitica Loredana Bertè nei panni di (nonna Addams).

Trama de La famiglia Addams 2

Morticia e Gomez vivono con turbamento la fase adolescenziale dei loro figli, Mercoledì e Pugsley, che crescendo si mostrano sempre più indifferenti alle cene di f In questo nuovo capitolo i coniugi Gaomez e Morticia, dovranno fare i conti con l’età dei loro due figli e accettare il fatto che Mercoledì e Pugsley non siano più dei bambini. I ragazzi infatti saltano persino le cene di famiglia per dedicarsi il più possibile ai loro giochi mostruosi. La storia si sviluppa a partire, da una fiera della scienza organizzata dalla scuola, dove vengono esaltate le capacità intellettive di Mercoledì, vivrà l’esperimento come una sorta di conflitto, perché non accetta che i genitori siano andati a vedere la sua gara a scuola, infatti vivrà con la sua famiglia un rapporto complesso. Per recuperare tale rapporto, Gomez decide di organizzare un viaggio last minute in camper, che coinvolgerà l’intera famiglia, tranne nonna Addams che resterà a casa a fare la guardia, ma che troverà comunque il modo di spassarsela.

Recensione de La famiglia Addams

Il personaggio che in questo capitolo avrà un ruolo centrale sarà Mercoledì, connessa con la tematica della diversità, rispetto al suo nucleo famigliare, per delle circostanze che le si presenteranno, sarà alle prese con una vera e propria crisi identitaria, legata al dubbio di non essere la figlia legittima di Gomez e Morticia, a seguito di uno scambio di neonati avvenuto nel nido dell’ospedale. Le immancabili divergenze familiari andranno risolte attraverso un percorso di crescita, che si rivelerà essere illuminante per tutta la Addams Family. Il viaggio con l’orribile camper stregato attraverso il passaggio di alcuni luoghi dell’America, darà inizio a una serie di spaventose avventure di cui la famiglia sarà protagonista in prima persona. Inoltre due uomini sconosciuti, inseguiranno gli Addams per tutto
il loro viaggio, per un motivo ben preciso. Il film d’animazione si sofferma su tematiche attuali, quali: la crescita, la diversità, senso di appartenenza e identità, al centro di una narrazione spassosa e divertente, che non ha come unico fine far divertire i più giovani, ma portare il pubblico alla riflessione di tematiche sociali importanti. Il film risulta essere prezioso anche per gli adulti, che ne trarranno più di un insegnamento.

All’interno della storia, si possono notare due riferimenti cinematografici di film che hanno riscosso un notevole successo negli anni, “Lo squalo” la scena in cui zio Fester con una pinna da squalo sul capo, terrorizza i bagnati e un altro riferito al film Easy
Rider, quando Mercoledì e Lurch vagano per le strade del Colorado. Infine è importante notare il percorso di trasformazione che affronta il personaggio di zio Fester, da “cavia di laboratorio” per i terrificanti esperimenti di Mercoledì che denotano il poco intelletto dell’uomo, descrivendolo quasi come un senza cervello, per poi arrivare alla fine del racconto, quando l’intera famiglia sarà salvata proprio grazie all’intervento di Fester, mutato in polpo gigante per annientare il nemico.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.