Scream (2022): ritorno all’originale

Trailer italiano del film

Scream è il quinto capitolo della fortunata saga di film slasher nata nel 1996 che, grazie a un idea idea di Wes Craven hanno ridimensionato le regole dei genere horror dimostrando, con la morte di Drew Barrymore (nel primo capitolo), che avere il proprio nome sulla locandina non garantisce un lieto fine. Scream 5 è il primo capitolo della saga a non essere diretto da Craven, il quale è venuto a mancare nel 2013, infatti i registi in questa pellicola sono: Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett, già noti per il film Finché morti non ci separi del 2019, inoltre (diversamente dagli altri lungometraggi) non troviamo come protagonisti Sidney Prescott, Gale Weathers e Linus Riley, che compariranno solo come personaggi secondari.

Il film è uscito al cinema in Italia il 13 gennaio 2021 divenendo, in breve tempo, campione d’incassi in tutto il mondo, superando perfino il colossal Marvel Spiderman: no way home.

Fotogramma di Scream 5
Fotogramma di Scream 5

Trama (no spoiler) di Scream

E’ il 2021, sono passati 10 anni dall’ultimo massacro e 25 dal primo; e la cittadina di Woodsboro ricomincia a essere invasa dal terrore.  La storia si apre con una giovane ragazza sola in casa, Tara, la quale riceve una telefonata da uno sconosciuto, che le chiederà domande specifiche sulla saga fittizia di film slasher stab, lungometraggi ispirati dagli eventi che hanno scosso Woodsboro venticinquenne anni prima. La ragazza verrà aggredita da ghostface, ma per fortuna, anche se in condizioni gravi, riuscirà a salvarsi.

Il giorno seguente sua sorella maggiore, Sam, la quale ha un legame affettivo con i vecchi protagonisti della saga e non parlava da molti anni con sua sorella, verrà a sapere attraverso un amico di Tara quello che le è successo. Sam, insieme al suo fidanzato, Richie, si dirige verso Woodsboro. Qui i due verranno accolti da Tara e dai suoi amici, anche loro scossi e preoccupati per l’accaduto. Essi sono: Wes, figlio dello sceriffo Judy Hicks, Chad e Mindy, gemelli adottivi della sorella di Randy Meeks, Amber, migliore amica di Tara e Liv, fidanzata di Chad.

Il tempo passa e gli omicidi nel gruppo si faranno sempre più frequenti e violenti, tanto che servirà l’aiuto delle vittime preferite del serial killer: Sidney, la quale si è costruita una vita lontano da Woodsboro, Gale, che è diventata una famosa giornalista a New York e Linus, il quale si è separato da Gale e tolto la divisa da sceriffo.

Fotogramma di Scream (2022)
Fotogramma di Scream (2022)

Recensione (no spoiler) di Scream

Scream o conosciuto erroneamente come Scream 5, è il requel, insieme di reboot e sequel dei film precedenti e un omaggio ai vecchi capitoli diretyk da Wes Craven, al quale gli sarà dedicato il film dopo i titoli di coda. Già da anni si parlava di un sequel dopo il quarto capitolo, ma a causa del flop di quest’ultimo, che incassò solo 97 milioni di dollari a confronto dei 161 del terzo capitolo, e dell’aggravarsi della malattia di Wes Craven, la pellicola era rimasta per tanti anni solo un sogno per gli appassionati della saga.

Scream (2021) si dimostra un film in grado di porre riflessioni sull’industria del cinema hollywoodiano, mostrando come questa, con il passare degli anni e dopo svariate produzione, non possieda più idee realmente originali e preferisca sfruttare vecchi film o puntando su dei fan accaniti del cinema horror, i quali, molte volte impazziscono, perché il reboot non rispecchia l’originale, questa sarà una sorta di auto presa in giro del film stesso.

La protagonista dei primi film (Neve Campbell)
La protagonista dei primi film (Neve Campbell)

Apprezzabili risultano i vari riferimenti e omaggi ai lungometraggi precedenti sia attraverso la saga fittizia stab, che avrà un ruolo importante nella narrazione filmica, sia attraverso i personaggi, difatti abbiamo Wes, che richiama il nome dell’ideatore storico di Scream, oppure Amber che ricorda molto il carattere di Rose Mcgowan nel primo film, mentre Mindy ricorda molto suo zio Randy Meeks, presente nei primi due capitoli della saga. Inoltre rivedremo sul grande schermo anche lo sceriffo Judy Hicks, presente nel quarto capitolo, Martha Meeks, presente nel terzo capitolo, essa è la sorella di Randy e la madre di Chad e Mindy; e in un dialogo verrà pure citato Mark, Patrick Dempsey, presente nel terzo capitolo.

La differenza di regista si nota, sopratutto per la presenza di più scene comiche, infatti Bettinelli-Olpin e Gillett come abbiamo notato in Finchè morte non ci separi (2019) giocano molto sulla comicità all’interno dei film splatter, il tutto riuscendo a mantenersi fedeli al cinema horror, citando molteplici pellicole di questo genere passando da Halloween – la notte delle streghe con la storica performance di Jamie Lee Curtis fino allo psicologico Babadook. Il duo registico però non riesce a stare alla pari di Wes Craven, un maestro dell’orrore, basti pensare che gli assassini sono già smascherabili da metà pellicola (se conoscete bene la struttura narrativa del genere horror), inoltre le scene di questo quinto capitolo risultano decisamente meno spaventose di quelle girate da Craven, oppure si denota chiaramente come la trama sia fin troppo simile a quella degli altri capitoli, dimostrando come in questa versione del 2022 manchi quel senso di novità presente nei primi film della saga.

Sidney Prescott (Neve Campbell) e Gale Wheaters (Courteney Cox) in Scream 2022
Neve Campbell (“Sidney Prescott”), left, and Courteney Cox (“Gale Weathers”) star in Paramount Pictures and Spyglass Media Group’s “Scream.”

La recitazione della final girl Melissa Barrera non è delle migliori, la quale molte volte tende a far ridere nei momenti sbagliati e, di sicuro, non è alla pari della storica Neve Campbell (Sidney Prescott).  Per di più risulta mal strutturato il legame che Sidney ha con le protagoniste della storia o con Billy Loonis e la sua presenza in computer grafica. La scelta del cast è stata azzardata, decisamente non alla pari del cast degli anni precedenti, ma nonostante ciò sono da aprezzare: Mikey Madison e David Arquette. Niente da dire invece sulla colonna sonora, la quale è la medesima del primo film seppure sia stata riarrangiata dal compositore di colonne sonore hollywoodiane Brian Tyler.

Scream (2022) dunque è un film che si poteva benissimo non fare, invece di continuare a mettere carne sul fuoco inutilmente. Peccato.

Note Positive

  • Ritorno dei personaggi storici
  • Riferimenti agli altri capitoli

Note negative

  • Meno spaventoso degli altri film
  • Trama troppo simile all’originale

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.