Batman (1989): Una magnifica scommessa

Batman (1989)

Batman (1989)

Titolo originale: Batman                  

Anno: 1989

Paese di Produzione: Stati Uniti d’America  

Genere: azione, avventura, fantastico

Casa di produzione: Warner Bros. Pictures, Polygram Filmed Entertainment

Distribuzione: Warner Bros. Italia

Durata: 126 min

Regia: Tim Burton

Sceneggiatura: Sam Hamm, Warren Skaaren

Montaggio: Ray Lovejoy

Fotografia: Roger Pratt

Musica: Danny Elfman

Attori: Michael Keaton, Jack Nicholson, Kim Basinger, Robert Wuhl, Pat Hingle, Billy Dee Williams, Michael Gough

Trailer in inglese del film Batman (1989)

Recensione Batman (1989)

Batman è un film del 1989 diretto da Tim Burton diventato ormai un cult nel suo genere, basato sull’incappucciato mascherato più famoso di Gotham City; nel cast troviamo Michael Keaton a interpretare Batman e Jack Nicholson nel ruolo del super criminale Joker.

Batman fu un vero e proprio successo, sia critico che finanziario, infatti il film ottenne il titolo di miglior incasso per un cine-fumetto oltre a questo ottenne anche un oscar per la miglior scenografia. Questo film non solo ispirò l’omonima serie animata cult degli anni 90’, ma anche i tre film successivi nonché a rendere famoso un vero e proprio genere che al tempo era praticamente ancora sconosciuto al grande pubblico.

No non ti ucciderò. Voglio che tu mi faccia un favore: devi parlare di me a tutti i tuoi amici.

Ma chi sei!?

Sono Batman.

Batman – Batman (1989)

Trama Batman (1989)

In occasione del duecentesimo anniversario della fondazione della città, il sindaco chiede al procuratore distrettuale Harvey Dent e alla polizia di ripulire la città dalla costante crescita della criminalità, amministrata dal gangster Carl Grissom. Ma dove non arriva la polizia lo fa Batman, infatti in quei giorni non si fa che parlare della possibile esistenza di questo strano personaggio e, a quanto pare, l’unico che creda nell’esistenza di questo famoso giustiziere è il giornalista Alexander Knox e la fotografa Vicki Vale.

Una sera Grissom attira il suo fedele braccio destro, Jack Napier, nell’industria chimica AXIS con la scusa di rubare alcuni documenti per suo conto. In realtà l’uomo vuole punire il suo sottoposto per la sua infedeltà e incarica il suo poliziotto corrotto di fiducia di sparargli a vista. L’esecuzione di Napier comunque viene fermata da Batman, che ferma i criminali e cerca di catturare il gangster, tuttavia Napier cade accidentalmente in una vasca di rifiuti chimici e tutti ritengono che l’uomo sia ormai morto, ma in realtà è riuscito a sopravvivere benché il suo aspetto facciale è irrimediabilmente sfigurato. Folle di rabbia, Napier cambia il suo nome in Joker e decide di vendicarsi prima di Grimsson e poi dell’intera città, uccidendo vari cittadini con un gas tossico di sua invenzione.

Nel frattempo l’affascinante Vicki Vale inizia una relazione con il misterioso miliardario Bruce Wayne, la bellezza della donna viene notata dal Joker che si innamora follemente e tenta di rapirla e di sorprenderla più volte, ma i suoi tentativi vengono fermati da Batman. E mentre Vicki Vale inizia ad indagare sull’uomo pipistrello, il giustiziere mascherato scoprirà una terribile verità che lo lega da sempre al Joker

Mi dici in che razza di mondo stiamo vivendo? Dove un uomo si veste da pipistrello e mi frega tutta la mia stampa?? Questa città ha bisogno di un clistere!

Joker ( Jack Nicholson) – Batman

Analisi Batman (1989)

Questo film rappresenta la consacrazione di Tim Burton nel mondo del cinema, reinterpretando a suo modo Batman dal punto di vista estetico andando a creare un personaggio a tinte dark che si immedesima perfettamente nella Gotham City burtiana, una città oscura, folle e corrotta che sta lentamente sprofondando nella corruzione e nel crimine organizzato. Il cineasta riesce a mostrare tutto il dolore della città sfruttando saggiamente l’ottima scenografia a disposizione, ripresa con una fotografia a tinte oscure tendenti al blu. Risulta interessante anche il modo in cui viene mostrato il tormentato Bruce Wayne, intepretato da Michale Keaton che dona una interpretazione perfetta del cavaliere oscuro all’interno dell’universo realizzato da Burton.

Il suo Bruce Wayne è elegante, nonostante la classica aria da miliardario, ma sempre cupo e pensieroso e in constante lotta la sua seconda identità. Il suo Batman è cupo e le sue movenze sono molto teatrali mettendo in mostra il suo costume color petrolio il quale si confonde perfettamente tra i tetti della città. E se Michael Keaton è stata una piacevole scommessa, il successo della sua controparte era quasi inevitabile con Jack Nicholson nel ruolo del Clown criminale.

Il Joker di Nicholson è eccentrico, del tutto sopra le righe e l’attore riesce perfettamente ad entrare nei panni del personaggio tanto che è impossibile notare le differenze tra la reale personalità dell’attore e quella del suo personaggio, insomma il Joker ottiene una maggiore caratterizzazione e appare più carismatico dell’eroe stesso.

Il film è un segno caratteristico di svolta ai tempi segnando in modo evidente quasi tutte le future pellicole fumettistiche.

Dimmi amico mio… Danzi mai col diavolo nel pallido plenilunio? Io lo chiedo sempre alle mie vittime… sarà che me ne piace il suono!

Joker (Jack Nicholson) – Batman (1989)

Note positive:

  • Michael Keaton nel ruolo di Batman
  • Jack Nicholson nel ruolo del Joker
  • Scenografia
  • Regia di Tim Burton

Note negative:

  • Personaggi secondari poco sviluppati

Leave a Reply

8 − sette =