Conversazione con Darren Star e Lily Collins su Emily in Paris 3

Condividi su

Sinossi terza stagione: Un anno dopo essersi trasferita da Chicago a Parigi per il lavoro dei suoi sogni, Emily si trova a un bivio fondamentale in ogni aspetto della sua vita. Di fronte a due strade molto diverse deve scegliere esattamente a chi essere fedele (al lavoro e nella vita sentimentale), capire cosa comportano queste decisioni per il suo futuro in Francia e naturalmente continuare a vivere le avventure e i sorprendenti colpi di scena che Parigi le offre.

Cosa la entusiasma di questa terza stagione di Emily in Paris e la differenzia dalle due precedenti?

D. Star (showrunner): Sento che ogni stagione di questo show si basa su quella precedente e conosciamo meglio i personaggi. In questa stagione trascorriamo più tempo con il nostro fantastico cast di attori. Sono tutti personaggi fantastici ed è molto divertente conoscerli meglio. Emily parte per di un viaggio fantastico, che continua a evolversi e che in questa stagione ci porta in luoghi straordinari. Sento che ogni stagione diventa sempre più grande, e questa è sicuramente la nostra stagione più grande.

L. Collins (attrice/produttrice): in questa stagione c’è tutto ciò che amo delle prime due stagioni, ma elevato a un livello ancora più alto. Anche gli altri personaggi hanno la possibilità di sbocciare. La cosa davvero emozionante è vedere tutti gli altri personaggi tanto quanto vediamo Emily. Abbiamo personaggi favolosi, interpretati da attori favolosi, e in questa stagione li vedremo ancora di più.

Quali sono i temi chiave che più vi hanno entusiasmato in questa stagione: nuove avventure od ostacoli specifici per Emily?

D. Star: In questa stagione, Emily è molto più coinvolta e investita nel realizzare la sua vita specificamente a Parigi e nel capire cosa significhi. Sta portando avanti una nuova relazione con Alfie, ma c’è ancora questa attrazione reciproca con Gabriel che li perseguita entrambi. In questa stagione, inoltre, Emily ha modo di espandere la sua presenza sul lavoro e deve fare delle scelte importanti in termini di lealtà. Emily cresce e matura davvero in questa stagione e si impegna a fondo per entrare a far parte del mondo francese e per migliorare le sue conoscenze linguistiche. Sta vivendo l’esperienza che ogni espatriato vive quando inizia a trascorrere del tempo a Parigi: lo stile di vita francese inizia a penetrare in lei. Emily diventa sempre più cittadina di Parigi con l’evolversi della stagione.

Come ci si sente a riunirsi con il brillante cast di Emily in Paris in questa stagione?

L. Collins: È così bello avere la famiglia di nuovo insieme per nuove avventure. Ci divertiamo sempre molto. Ridiamo così tanto quando siamo insieme e mi piace viaggiare durante la stagione con il cast e la troupe, che considero anche amici. Non vedo l’ora di condividere tutto quello che abbiamo fatto insieme e creato per la terza stagione.

D. Star: È una gioia vedere questi attori ogni stagione e tornare insieme. C’è un grande senso di cameratismo tra il cast. Tutti noi amiamo vederci e ci piace trascorrere… Il tempo che trascorriamo insieme è fantastico, perché passiamo molto tempo insieme, viaggiamo insieme e possiamo andare in questi luoghi fantastici.

Dove abbiamo lasciato Emily alla fine della seconda stagione e dove la ritroviamo nella terza?

D. Star: All’inizio della terza stagione, Emily si trova a un bivio e deve decidere a chi essere fedele. A Sylvie, da cui ha imparato molto e che ha definito la sua vita a Parigi? O con Madeline, che ha dato inizio alla sua carriera e che è l’unica ragione per cui si trova a Parigi? Emily correrà il rischio, scenderà dal cornicione e si stabilirà a Parigi senza una rete di sicurezza? Oppure seguirà la retta via e andrà a Chicago con Madeline? Emily non doveva venire a Parigi, doveva essere una sistemazione temporanea. Era un trampolino di lancio per un ruolo più importante al Savoir, e significava una promozione promessa quando sarebbe tornata a Chicago, dove si trova la sua “vera vita”. Questo è ciò che rappresenta Madeline. Sylvie rappresenta un grande passo verso l’ignoto. Emily non è francese e Sylvie non è necessariamente simpatica per la maggior parte del tempo. Sylvie è un po’ mercuriale, ed Emily potrebbe mettere la sua carriera nelle mani di Sylvie. Emily deve scegliere se seguire la strada sicura con Madeline a Chicago o quella più rischiosa con Sylvie a Parigi.

Come descriverebbe il percorso emotivo e la trasformazione di Emily dalla prima stagione a oggi, e in che modo vediamo questi cambiamenti sullo schermo?

D. Star: Dalla prima stagione a oggi, Emily è diventata molto più sicura di sé. Sta trovando il suo posto a Parigi, e credo che questo sia davvero una parte importante dell’argomento della serie. È una giovane donna che sta trovando il suo posto nel lavoro, il suo posto nella vita, cogliendo le opportunità inaspettate e le svolte che la vita le ha riservato, e diventando più a suo agio nel correre dei rischi. È maturata molto dalla prima alla terza stagione.

Collins: Nella prima stagione, Emily era un pesce fuor d’acqua, si trovava in un territorio completamente estraneo sia mentalmente che fisicamente e si sentiva un’estranea, mentre nella seconda stagione, ha iniziato ad ambientarsi meglio nell’ambiente circostante, a trovare nuovi amici, un nuovo interesse amoroso, e abbiamo lasciato la seconda stagione cercando di capire dove fosse diretta. Sarebbe rimasta in queste nuove esperienze, o sarebbe tornata a casa? La terza stagione inizia con Emily che si sente a terra e ha un vero senso di sé nel suo nuovo Paese e nella sua nuova città. La vediamo ambientarsi sempre di più a Parigi e diventare più tranquillamente sicura di sé. Vediamo questa manifestazione di lei attraverso la sua moda, il suo senso di sicurezza, le sue esperienze in città e sul lavoro. Sta facendo delle scelte per se stessa e le porta avanti, indipendentemente dalle conseguenze, nelle relazioni sentimentali, nel lavoro, nelle amicizie, e sta davvero abbracciando di più la Francia e la lingua francese.

In che direzione i fan possono aspettarsi di vedere la vita sentimentale di Emily in questa stagione? La seconda stagione si è conclusa in modo complicato con Alfie, Gabriel e Camille.

Collins: Abbiamo lasciato la scorsa stagione con Emily e Camille di nuovo amiche, ma è stato molto stridente vedere che Camille si era trasferita da Gabriel senza dirlo a Emily. Nella terza stagione c’è un po’ d’incertezza sulla loro amicizia, ma credo che tutti abbiano capito, soprattutto Emily, che Gabriel e Camille stanno insieme e sono vicini di casa. Chissà cosa succederà, ma per ora l’amicizia di Emily con Camille è davvero importante e lei può concentrarsi su Alfie, che ora è amico di Gabriel, il che ovviamente complica ulteriormente le cose

L’amicizia tra Emily e Mindy continua a crescere e ad approfondirsi in questa stagione. Che cosa amano l’una dell’altra questi due personaggi così diversi?

Collins: Cosa non amano l’una dell’altra? Emily adora l’audacia, il coraggio e la sicurezza di Mindy e il modo in cui la incoraggia ad ascoltare il suo cuore e a dimenticare le conseguenze, ma di concentrarsi davvero su ciò che è importante e che fa stare bene Emily. Emily porta a Mindy un vero senso di direzione, di conforto e di fiducia. Entrambe diventano la roccia e la fiducia l’una dell’altra in una città che, all’inizio per entrambe, era estranea e in qualche modo spaventosa. Si sentono a casa l’uno con l’altra.

D. Star: Emily ama lo spirito libero di Mindy, il fatto che Mindy abbia corso grandi rischi. Mindy è venuta a Parigi perché voleva reinventarsi, ed Emily la ammira molto. Si spingono l’un l’altra nei modi giusti e credo che Mindy sia una parte importante del motivo per cui Emily sente la necessità di rimanere a Parigi. In questa stagione Emily inizia a rendersi conto di essersi costruita una nuova vita a Parigi, con una nuova cerchia di ottimi amici.

Quale messaggio spera che Emily invii alle giovani donne che si trovano in posizioni simili e che cercano di destreggiarsi tra la vita professionale e quella personale?

Collins: Parlando per la mia esperienza personale nel destreggiarmi tra una vita lavorativa e una carriera molto impegnativa, e anche una vita personale con la mia famiglia, con l’esperienza si impara nel tempo a trovare il miglior equilibrio possibile. È normale non sapere quale sia il modo migliore per bilanciare tutto. È giusto commettere errori e capirlo man mano, e credo che Emily stia facendo proprio questo. Di certo io imparo sempre nuovi modi per trovare un equilibrio. Si vuole avere tutto. Si vuole essere in grado di lavorare sodo e di giocare sodo; avere una vita personale che sia appagante e una carriera che sia appagante. È normale lottare con questo. È normale sentirsi ansiosi ed è normale capirlo man mano. Emily mi sta insegnando molto e spero che le mie esperienze di ricerca di equilibrio degli ultimi anni contribuiscano a formare quelle di Emily.

Star: Emily è una persona che sente e crede di poter avere tutto. Vuole avere successo nel lavoro e vuole avere una vita privata appagante. Non vuole ferire le persone, non vuole fare la cosa sbagliata, spesso inciampa nel fare la cosa sbagliata, ma tutti lo facciamo, tutti commettiamo errori. Ma credo che il suo cuore sia sempre al posto giusto. Penso che voglia il meglio per i suoi amici. Trovo che sia un personaggio d’ispirazione per tutti i giovani che vogliono andare a rischiare in un altro Paese. Emily sta vivendo un’esperienza che la renderà una persona più ricca. Sia che rimanga a Parigi per il resto della sua vita o tornerà a Chicago domani, credo che sarà una persona più ricca per aver trascorso il suo tempo a Parigi.

Ci parli di alcuni degli incredibili luoghi di ripresa che i fan potranno vedere in questa stagione.

Collins: Ricordo di aver pensato, prima d’iniziare a leggere i copioni di questa stagione, “Beh, abbiamo concluso la scorsa stagione a Versailles, quindi da dove iniziamo ora?”. Come si fa a essere più cool e più opulenti di Versailles? Poi ho letto il primo episodio e inizia in cima alla Eiffel. E ho pensato: “Oh, allora è da lì che cominceremo”. Quindi sì, abbiamo girato in una location straordinaria, in cima alla Torre Eiffel e al ristorante Jules Verne. Abbiamo girato tutta la notte, da soli. È stato magico e selvaggio stare lassù solo con la troupe e il cast. La quantità di accesso che possiamo avere con questa serie è davvero meravigliosa e ne siamo molto grati.

Star: Nella seconda stagione abbiamo girato durante la pandemia, quindi Parigi era vuota. Il sud della Francia era vuoto, era come se fosse stato allestito un grande palcoscenico per noi. E per la terza stagione, Parigi si è scatenata. È stata così affollata che ora sono tutti qui. Sì, abbiamo girato sulla Torre Eiffel e a Le Jules Verne, il ristorante all’interno della Torre Eiffel. Non pensavo nemmeno che sarebbe stato possibile, ma credo che Parigi sia stata molto generosa con noi, dandoci accesso a location incredibili in tutta la città. Abbiamo girato al Musée des Arts Décoratifs, dove ho visto la retrospettiva sulla moda di Dior e che ha ispirato una certa trama. Nei miei sogni più sfrenati, non pensavo che saremmo mai riusciti a girare lì. E quest’anno, allo stesso modo in cui siamo andati a Saint-Tropez l’anno scorso, siamo andati in Provenza durante la stagione della lavanda. È stato semplicemente stupefacente.

Collins: Non ero mai stata in Provenza e non avevo mai visto ovunque un colore così bello come durante la stagione della lavanda. Mi è sembrato davvero di essere in vacanza. È così tranquillo. C’è l’eccitazione di Parigi e poi c’è la calma della campagna, quindi abbiamo la possibilità di mostrare diversi lati della Francia, il che credo sia molto importante. Vogliamo abbracciare tutto ciò che la Francia ha da offrire.

Lily Collins e Darren Star alla premiere di Emily in Paris 3
Lily Collins e Darren Star alla premiere di Emily in Paris 3

Perché la moda è una parte così importante e integrante dello spettacolo?

Collins: Marylin Fitoussi è una dea. È il più bello degli uccelli e in questa stagione è stata in grado di librarsi e volare a modo suo. Apporta un gusto, uno stile e un’audacia così specifici all’intera serie. Ma per lo stile di Emily in particolare, Marylin mi ha aiutato a radicare il personaggio in quanto abbraccia maggiormente lo stile e la moda francese, pur mantenendo il senso di sé di Emily

Io e Marylin giochiamo. Mi permette di portare gli stilisti che mi piacciono, sia che si tratti di gioielli o di abiti, sia che si tratti di pezzi del mio armadio che amo, e lei è davvero un genio nel trovare pezzi vintage. È come una magia ogni volta che indosso un abito e la conversazione continua, e lei è molto comprensiva nei confronti della mia voce. È stato davvero divertente. Marylin ha detto di essere stata molto influenzata e ispirata dalla mia nuova frangetta e dalla freschezza molto francese degli anni ’60 e ’70. È da lì che abbiamo tratto le nostre influenze per questa stagione

Star: La moda fa parte di Parigi, tanto per cominciare. Emily lavora per un’azienda di marketing di lusso, quindi la moda è sempre stata nel DNA di Emily in Paris e continuerà a esserlo. Man mano che la serie si evolve e personaggi come Pierre Cadault diventano sempre più importanti per il tessuto della serie, impariamo a conoscere meglio il mondo della moda. E il modo in cui la storia si evolve in questa stagione ci offre un punto di partenza ancora più grande per esplorare il mondo della moda nelle stagioni a venire.

Come si sono evoluti i costumi di Emily in questa stagione?

Collins: Volevamo abbracciare l’idea di una tranquilla audacia. Emily si è ormai stabilizzata nella sua vita in Francia. È stata accettata da persone che, nella prima stagione, la mettevano in discussione. E sta accettando di più se stessa. In questa stagione abbiamo voluto puntare ancora di più su un’atmosfera francese, cool e chic parigina, che so che sembra ampia e ovvia, ma rappresenta davvero il modo in cui Emily si sente più sistemata durante il suo soggiorno qui. Ha una tranquilla sicurezza interiore. Marylin ha avuto l’idea di tradurre visivamente questo cambiamento cambiando la silhouette degli outfit di Emily. Sta diventando più audace e indossa abiti a vita alta, a gambe larghe e più pantaloni alla marinara e tacchi più grossi. Abbiamo incluso molti stivali in tutta la stagione. Questa stagione la palette di colori è più attenuata, e credo che sia più orientata verso lo chic parigino. Ma c’è ancora una dualità. È bloccata tra Madeline e Sylvie, due donne potenti che ammira. C’è ancora questo scontro culturale all’interno di Emily, tra America e Francia. Si sente molto combattuta. Marylin, con la moda, aiuta a centrare Emily in un modo elevato. È ancora brillante, audace, spumeggiante e molto simile all’Emily della prima stagione, ma ha raggiunto un nuovo livello di tranquilla sicurezza interiore, che visivamente include una maggiore sensazione di “je ne sais quoi” francese. Mi piace pensare che Emily voglia stare da sola ed essere chi è, ma in questa idea c’è una dualità. C’è Sylvie, lo stile francese del “meno è meglio”. E c’è Madeline, lo stile audace, luminoso, “più grande è meglio”. Emily sta trovando una via di mezzo per capire quali elementi vuole prendere da queste due donne che ama e che vuole emulare, pur rimanendo se stessa.

Star: : Marylin Fitoussi continua a stupirmi con i suoi disegni. È difficile sceglierne uno preferito. La cosa principale che mi impressiona è il modo in cui lei e il suo team producono tutti i costumi così velocemente, per tutti questi episodi e personaggi. Il guardaroba di Emily, Sylvie, Mindy… Insomma, il guardaroba mi lascia a bocca aperta ed è così divertente. Tempo fa abbiamo deciso che non saremmo stati legati alla realtà per quanto riguarda i vestiti di Mindy ed Emily. Il fash-ion è molto esagerato in questa stagione, nel modo più piacevole possibile

Nelle stagioni precedenti, la serie ha fatto riferimento a Audrey Hepburn e Brigitte Bardot attraverso i look di Emily. Ci sono influenze iconiche specifiche per questa stagione?

Collins: : Beh, Audrey Hepburn ci piace sempre. Io la amerò sempre. Sarà sempre presente nei nostri pensieri. Questa stagione, anche Françoise Hardy e Jane Birkin sono influenti. – e anche un po’ di Kate Moss. C’è sicuramente una certa freddezza, ovviamente, nei look di Emily ispirati all’America, ma c’è un’essenza francese e un’atmosfera europea in quelle donne che abbiamo cercato di collegare e mescolare al guardaroba, ai capelli e al trucco di Emily in questa stagione. Marylin Fitoussi, Mike Desir, Aurélie Payen e Sarah Nakhle-Cerruti sono il mio team straordinario e non potrei essere Emily senza il loro contributo quotidiano. Ogni conversazione è una vera collaborazione. Ogni anno cerchiamo di pensare a ciò che può essere nuovo per Emily, che lasci un segno, che faccia una dichiarazione, ma che sia comunque fedele a ciò che è lei. È una giovane donna che ama giocare con lo stile, l’acconciatura e il trucco, ma sa ancora chi è. Quest’anno Emily ha una sicurezza e una maturità tranquille che si manifestano anche nei capelli e nel trucco. In questa stagione giochiamo molto con i colori delle labbra marroni, perché Emily si sente forte, audace e vocale, ma non ha più bisogno di dirlo con un labbro rosso, cosa che mi è sembrata una scelta davvero interessante. Ovviamente ci sono dei colori qua e là, e le labbra audaci sono la firma di Emily, ma ci è sembrato molto forte avere un tipo di audacia più marrone nel colore delle labbra. C’è anche un look più da occhio di gatto. Per i capelli, ho scelto una frangia. La frangetta ha un aspetto molto chic e senza sforzo. Mike Desir e io abbiamo discusso a lungo su quali attrici francesi prendere come riferimento e su quali fonti d’ispirazione potevamo attingere per giocare con la frangia; su come la frangia modellasse il mio viso in modo diverso e su come influenzasse i costumi. Come io Marylin si è ispirata molto alla mia frangia per la creazione dei look, perché una volta che i capelli e il trucco sono pronti, un abito può prendere vita in un modo completamente nuovo. Non mi sono mai divertita così tanto a giocare con un personaggio come con Emily. Quest’anno sento di poter essere un po’ più Lily all’interno dello stile di Emily

Avete avuto dei look preferiti da Emily in questa stagione?

Collins: Uno dei miei costumi preferiti di questa stagione è stato quello che ho indossato alla retrospettiva di Pierre Cadault. Si trattava di un fantastico top bianco e nero con queste spalle pazzesche che sembravano quasi un mix tra una zebra e un elefante, con questi piccoli pantaloncini neri e queste pazzesche scarpe prototipo di Louboutin con cristalli, che erano assolutamente fantastiche. Anche l’acconciatura e il trucco per questo look erano tra i miei preferiti della stagione. Era un’atmosfera vintage molto retrò, che rendeva omaggio alla storia pur rimanendo fresca e moderna. È stato sicuramente uno dei miei preferiti.

Condividi su
Stefano Del Giudice
Stefano Del Giudice

Laureatosi alla triennale di Scienze umanistiche per la comunicazione e formatosi presso un accademia di Filmmaker a Roma, nel 2014 ha fondato la community di cinema L'occhio del cineasta per poter discutere in uno spazio fertile come il web sull'arte che ha sempre amato: la settima arte.

Articoli: 899

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.