David di Donatello 2021: La serata e i vincitori

L’11 maggio 2021 si è tenuta a Roma, la 66ª edizione dei David di Donatello, l’evento più importante del cinema italiano, e che viene in un periodo complesso per il cinema, soprattutto per i gestori delle sale cinematografiche, riaperte dopo più di un anno il 25 aprile 2021 a causa della pandemia Covid-19. La serata si è aperta con l’esibizione canora di Laura Pausini, vincitrice del golden globe 2021 con “Io Si” dal film La vita davanti a sé. Come da tradizione a presentare c’è Carlo Conti e l’evento cinematografico è stato trasmesso in prima serata su Rai 1, segno dell’importanza del cinema nel nostro paese. Durante la serata si è tenuto un omaggio a Ennio Morricone scomparso il 6 luglio 2020 di cui sono state suonate alcune delle sue opere musicali e cinematografiche più importanti e che hanno contribuito a rendere grande il cinema nel mondo dai film con Tornatore a quelli di Leone fino a Tarantino, a dirigere l’orchestra c’era il figlio Andrea Morricone. Altro omaggio al teatro italiano è stato rivolto a Gigi Proietti scomparso il 2 novembre 2020.

I premi:

David Speciali: Sandra Milo, Diego Abatantuono, Monica Bellucci

Miglior film: Volevo nascondermi, regia di Giorgio Diritti

Miglior regia: Giorgio Diritti – Volevo nascondermi

Miglior regista esordiente: Pietro Castellitto – I predatori

David dello spettatore: Tolo Tolo, regia di Checco Zalone

David Giovani: 18 regali, regia di Francesco Amato

Miglior film straniero: 1917, regia di Sam Mendes

Miglior cortometraggio: Anne, regia di Domenico Croce e Stefano Malchiodi

Miglior documentario: Mi chiamo Francesco Totti, regia di Alex Infascelli

Miglior produttore: Marta Donzelli e Gregorio Paonessa per Vivo film con Rai Cinema, Joseph Rouschop e Valérie Bournonville per Tarantula Belgique – Miss Marx

Migliore sceneggiatura originale: Mattia Torre – Figli

Migliore sceneggiatura adattata: Gianni Di Gregorio, Marco Pettenello – Lontano lontano

Migliore attrice protagonista: Sophia Loren – La vita davanti a sé

Miglior attore protagonista: Elio Germano – Volevo nascondermi

Migliore attrice non protagonista: Matilda De Angelis – L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

Miglior attore non protagonista: Fabrizio Bentivoglio – L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

Migliore autore della fotografia: Matteo Cocco – Volevo nascondermi

Miglior montatore: Esmeralda Calabria – Favolacce

Miglior scenografo: Paola Zamagni, Ludovica Ferrario e Alessandra Mura – Volevo nascondermi

Miglior costumista: Massimo Cantini Parrini – Miss Marx

Miglior acconciatore: Aldo Signoretti – Volevo nascondermi

Migliore canzone originale: Immigrato (musica e testo di Luca Medici e Antonio Iammarino, interpretata da Checco Zalone) – Tolo Tolo

Miglior compositore: Gatto Ciliegia contro il Grande Freddo e Downtown Boys – Miss Marx

Miglior suono: Volevo nascondermi

Migliori effetti speciali visivi: Stefano Leoni ed Elisabetta Rocca – L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

Leave a Reply

tre − 1 =