La cordigliera dei sogni (2019): la fine della trilogia di Patricio Guzmàn

La cordigliera dei sogni (2019): la fine della trilogia di Patricio Guzmàn 1

La cordigliera dei sogni

Titolo originale: La Cordillera de los sueños

Anno: 2019

Paese: Francia, Cile

Genere: Documentario

Produzione: Atacama productions, ARTE France Cinéma

Durata: 84 minuti

Regia: Patricio Guzmàn

Sceneggiatura: Patricio Guzmàn

Fotografia: Samuel Lahu

Montaggio: Emmanuelle Joly

Musiche: Claire Cahu

Attori: Pablo Salas, Vicente Gajardo, Jorge Baradit

Trailer del film La Cordigliera dei Sogni (2019)

Il documentarista Patricio Guzmàn svela le sue origini attraverso il racconto del Cile. Ultimo della trilogia dedicata alla sua terra natia, è stato presentato al Festival di Cannes 2019 ed uscirà nelle sale il 10 Giugno 2021.

Trama di La Cordigliera dei Sogni

Guzmàn si interroga sulle limitazioni presenti in Cile, dalla Cordigliera delle Ande alla dittatura socialista di Pinochet. Il Paese combatte tra opposizioni paradossali tra la sua bellezza geografica e il terrore politico. La Cordigliera è sconosciuta anche agli stessi cileni, tanto è impervia, rimanendo un affascinante mistero che toglie loro la possibilità di guardare oltre, proprio come ciò che accadeva durante il regime, tabù nascosto alla popolazione che, ancora 50 anni dopo, lotta per la verità.

Recensione di La Cordigliera dei Sogni

La Cordigliera dei Sogni si apre con la presentazione del paesaggio della Cordigliera delle Ande lasciando respirare una strana pace che gli abitanti non sono soliti vivere. Guzmàn racconta che molta gente vede la Cordigliera solo sugli affreschi in metropolitana o sulle scatole di fiammiferi.

La cordigliera dei sogni (2019): la fine della trilogia di Patricio Guzmàn 2
Fiammiferi delle Ande, presente nel film La cordigliera dei sogni

Guardare la Cordigliera per gli abitanti è come guardare al passato, un enorme muro che non solo cela ciò che è stato, ma inevitabilmente finisce per impedire lo sguardo all’orizzonte futuro. La popolazione andina definisce questa regione come un’isola, per la chiusura su ogni lato ed anche per il forte legame con il territorio e il senso di appartenenza. Le immagini che arrivano riescono a trasmettere la maestosità di queste montagne che tutto chiudono dentro le sue mura.

La cordigliera dei sogni (2019): la fine della trilogia di Patricio Guzmàn 3
La Cordigliera delle Ande

Guzmàn decide di intervistare un campione eterogeneo che si occupa di preservare la cultura andina. Una cantante che definisce la Cordigliera come una madre, uno scrittore che la descrive come un muro, un vulcanologo che sostiene, proprio come il regista, che più ci si addentra tra le montagne e più si accede al passato.

La bellezza di questo luogo incanta lo spettatore in lunghe e lente riprese che lasciano il tempo di assaporare, quasi come se si volasse, l’intero territorio.

La meraviglie delle Ande è interrotta, però, dall’ossimorica presenza del regime militare. L’11 settembre del 1973 il Cile subisce il colpo di stato di Pinochet, cadendo in un tragico momento storico non solo per il Paese ma per l’umanità intera. Guzmàn viene arrestato e diventa prigioniero politico in uno dei tanti campi di concentramento che vengono creati dalla dittatura. Dopo essere riuscito a fuggire dal Cile decide di non tornare mai più e d’iniziare la sua lotta alla verità con i documentari dedicati (tra cui: La battaglia del Cile, Nostalgia della Luce, La memoria dell’acqua).

La cordigliera dei sogni (2019): la fine della trilogia di Patricio Guzmàn 4
Pablo Salas ne La Cordigliera dei Sogni

Le immagini che accompagnano la seconda metà del film sono tratte da riprese inedite di Pablo Salas, un regista cileno che ha votato la sua vita a documentare tutte le verità nascoste: dai moti rivoluzionari alle aggressioni, fino ad arrivare alle immagini traballanti in cui si intravedono file di persone entrare in campi recintati da cui difficilmente si usciva. Salas è stato, ed è tuttora, presenza fissa per le strade del Cile, contando una collezione di registrazioni che nonostante risulti impressionante, a suo dire “non è abbastanza”.

La cordigliera dei sogni (2019): la fine della trilogia di Patricio Guzmàn 5
La Cordigliera dei Sogni

Scopriamo che anche la stessa Cordigliera è vittima del regime, inaccessibile non solo per la sua conformazione geologica, ma anche per limitazioni politiche. Se ci si reca in Cile, infatti, si deve attendere un’approvazione giuridica circa l’itinerario turistico prefissato che non può includere zone troppo malmesse. La maggior parte dei laghi presenti è privata e dunque assolutamente inavvicinabile, le strade più recenti assicurano una viabilità solo tra i quartieri delle autorità politiche, lasciando completamente esclusa l’intera Cordigliera.

Il documentario è un’importante testimonianza di una voce che fino ad ora sembrava rimasta intrappolata tra l’eco delle montagne ma che, finalmente, riesce ad uscire dal Cile, presentandone un’immagine nuova ed inedita.

Note positive

  • Immagini paesaggistiche
  • Testimonianze dirette
  • Racconto storico (visivo e narrativo)

Note negative

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.