Ma (2019): un thriller/ horror dal finale scontato

Condividi su

Ma

Titolo originale: Ma

Anno: 2019

Paese: Stati Uniti d’America

Genere: Horror, Thriller

Casa di Produzione: Blumhouse Productions, Wyolah Films

Distribuzione italiana: Universal Pictures

Durata: 100 minuti

Regia: Tate Taylor

Sceneggiatura: Tate Taylor, Scotty Landes

Fotografia: Christina Voros

Montaggio: Lucy Donaldson, Jin Lee

Musiche: Gregory Tripi

Attori: Octavia Spencer, Luke EvansJuliette Lewis, Allison JanneyMissi Pyle, McKaley Miller, Corey Fogelmanis, Dominic Burgess, Dante Brown

Trailer italiano Ma

Trama del film

Ma è un film thriller/horror in cui viene raccontata la storia di una donna (Sue Ann), la quale decide di vendicarsi dei torti avuti dai suoi vecchi compagni di scuola attraverso i loro figli liceali.

La protagonista in una scena del film

Recensione del film

Una donna vogliosa di vendicarsi, un seminterrato impolverato e dei liceali. Gli ingredienti, a vederli, sembrano quelli di un horror in stile americano e, in effetti, è proprio così. Sue Ann (detta Ma) è la protagonista di una pellicola che sembra spaziare tra più generi, dal thriller/psicologico fino a giungere, in alcune scene, allo splatter. La donna, in apparenza benevola, è assuefatta all’idea di far provare a dei poveri liceali la sofferenza che lei ha dovuto subire da ragazza, tramutando l’umiliazione psicologica in sofferenza fisica. La trama, già dal principio, risulta banale, infarcita dai dialoghi dei ragazzi fin troppo spinti e poco efficaci ai fini della storia. I flashback, usati in più occasioni per “spiegare” il passato di “Ma”, sembrano più un esercizio di stile. Risultano, infatti, troppo limitanti e inadatti nel far capire la psiche del personaggio. L’umiliazione avuta da Sue Ann tanti anni fa da uno dei suoi coetanei, che rappresenta il motivo del suo essere psico-labile, non giustifica la malsana voglia di fare del male agli altri e, anzi, appare piuttosto anacronistica.

Fotogramma di Ma (2019)
Fotogramma di Ma (2019)

Il tipo di narrazione che porta alla crescita di tensione è fatta di tentativi, poco riusciti, di dare ritmo a una storia dritta. La scelta di ricorrere a meccanismi quali l’insistenza della donna nel voler diventare amica dei ragazzi e la sua cleptomania nel desiderio di possedere oggetti altrui (aspetto di cui non vengano date spiegazioni allo spettatore) appaiono poco sensati. I personaggi restanti della vicenda sono, invece, poco delineati e li vediamo in poche scene, le quali non aggiungono nulla allo sviluppo della storia. Le inquadrature molto prevedibili e poco “audaci” non aiutano nella missione d’intimorire lo spettatore e non lo fanno “sobbalzare” per lo spavento. Nemmeno l’aggiunta della figlia di Sue Ann (Genie), tenuta in ostaggio in casa dalla madre, riesce a dare una diversa credibilità alla vicenda, visto che non vengono dette, ancora una volta, le motivazioni che hanno portato a questo. La sensazione nel vedere questa pellicola è che si sappia già in che modo finisca e questo delinea di gran lunga l’incapacità nella scrittura e nella regia di creare quel famoso “colpo di scena” in grado di sovvertire le aspettative dello spettatore. Una recitazione d’alto livello non compensa la mancanza di contenuti e di originalità della storia, non in grado di offrire un punto di vista diverso né sul razzismo (si sarebbe potuto usare il ruolo della protagonista per porre l’accento su questo tema) e né sui temi a questa annessi, tra i quali, di sicuro, vi è l’inclusione.

In conclusione

Il film è un’occasione sprecata, nella quale il problema del bullismo viene trattato in modo alquanto sbagliato e marginale. Per l’ennesima volta ci si trova dinnanzi a qualcosa che sa di già visto e non in grado di soddisfare le aspettative degli spettatori.

Note positive

  • La recitazione della protagonista

Note negative

  • Dialoghi volgari
  • Temi non sviluppati nel modo adatto
  • Poca originalità

Condividi su
Luigi Imperatore
Luigi Imperatore
Articoli: 9

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.