Prendi il volo (2023): una migrazione come simbolo di cambiamento.

Recensione, trama e cast del film d'animazione di Illumination Entertainment, Prendi il Volo (2023) una migrazione come simbolo di cambiamento.
Condividi su

Trailer di Prendi il Volo

Prendi il volo: Il trailer italiano

Informazioni sul film e dove vederlo in streaming

Il 7 dicembre 2023 arriva al cinema il lungometraggio animato Prendi il volo diretto da Benjamin Renner (Ernest & Celestine), realizzato dalla casa di produzione Illumination Entertainment che ha realizzato dei film d’animazione campioni d’incassi come Super Mario Bros., Minions, Cattivissimo me, Sing e Pets – Vita da animali.

Al Festival internazionale del film d’animazione di Annecy sono stati mostrati i primi 25 minuti di Prendi il Volo. Le voci italiane di Pam e Mack Mallard sono di Serena Rossi e Filippo Scianna

Trama di Prendi il Volo

Prendi il volo segue la storia dei Mallard, una famiglia di oche che vive in una lago nel New England con la stessa e solita routine, sostare nel lago senza mai migrare. Per il padre iperprotettivo Mack va bene così, dato che il lago è un luogo sicuro per lui e la sua famiglia, ma alla moglie Pam questa esistenza comincia a stare stretta, soprattutto perché vuole far vedere il mondo ai loro due figli anatroccoli. Quando un gruppo di oche sosta nel lago e comincia a parlare di migrazione e della Giamaica come loro destinazione, Pam e i piccoli convincono Mack a fare un viaggio di famiglia, insieme allo zio Dan e partire per la Giamaica. I Mallard scopriranno molto presto di non riuscire a seguire l’itinerario prestabilito e di dover fare qualche deviazione improvvisata. Per loro sarà un’esperienza che li porterà oltre ogni loro aspettativa.

Una scena del film Prendi il volo
Una scena del film Prendi il volo

La recensione del film Prendi il volo

Dopo il successo di Ernest & Celestine del 2012, il regista Benjamin Renner torna a scrivere e dirigere un film d’animazione focalizzato sulle relazioni interpersonali in un contesto familiare e sulla fiducia in sé stessi e negli altri.

Nel film Prendi il volo le tematiche trattate sono attuali e universali, si parla infatti di superare le proprie paure e di aprirsi al mondo, sperimentando situazioni che vanno al di fuori della propria zona di confort. Difatti la migrazione e il viaggio che i Mallard dovranno fare, diventa metafora di introspezione di un percorso di scoperta personale. Partendo dal padre Mack iperprotettivo e pauroso che trova audacia e un coraggio inaspettato per salvaguardare la propria famiglia, passando da Pam, la madre temeraria, che dopo aver anelato la libertà di viaggiare per anni scoprirà di avere qualche dubbio, concludendo con i figli che non sono così sprovveduti per la loro giovane età e lo zio Dan, l’eccentrico di famiglia, una versione moderna e rivista dello Zio Reginaldo degli “Aristogatti”.

Frame di Prendi il Volo (2023)
Frame di Prendi il Volo (2023)

Rispetto ad al lungometraggio animato Ernest & Celestine la grafica e l’animazione del film Prendi il volo sono più moderne e accattivanti, ci si allontana da quel tratto semplicistico e lineare che caratterizzava i personaggi e le ambientazione del film precedente. Buona la caratterizzazione dei personaggi, soprattutto per quanto riguarda l’antagonista principale, un cuoco silente e imponente che prende spunto da una figura di un noto chef che darà parecchio filo da torcere alla famiglia Mallard. Funzionali i personaggi secondari a cui viene affidato il lato comico della pellicola.

Il film è ironico, divertente e un po’ irriverente, come tutti i prodotti della Illuminations. La sceneggiatura è semplice, ma ben strutturata.
La narrazione mantiene un buon ritmo riuscendo a equilibrare vari elementi con espedienti narrativi interessanti anche se a volte scontati.
Tra gag e situazioni surreali ritroviamo sempre una buona coerenza narrativa, che non annoia e riesce a strappare più di una risata in alcune scene.

In conclusione

Il film Prendi il volo intrattiene, diverte e con semplicità e ironia fa riflettere su tematiche sempre attuali. Una pellicola che funziona sia per il target per cui è stato pensato, sia per gli adulti che accompagnano i più piccoli. Benjamin Renner vince di nuovo la scommessa e confeziona un film da pomeriggio al cinema.

  • Tematiche
  • Animazione
  • Caratterizzazione dei personaggi
  • /
Condividi su
Tatiana Coquio
Tatiana Coquio

Amo alla follia la settima arte, la sceneggiatura è ciò che mi interessa di più in un film, tanto da aver fatto degli studi in merito.
Star Wars fan da una vita e serie TV addicted.
Lettrice e scrittrice compulsiva, sempre pronta ad appuntare note e pensieri un po' ovunque, quando posso viaggio per il mondo accompagnata dal mio fido ipod e una colonna sonora a tema.

Articoli: 56

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.