Andrew Dominik su Blonde “È dal 2008 che cerco di fare questo film. L’ho scritto e non mi ha mai lasciato in pace”

Una breve storia: da Marylin a Norma Jeane

Norma Jeane Baker, divenuta una delle attrici più amate al mondo, non ha iniziato la sua vita sotto una buona stella, anche se con il nome di Marilyn Monroe sarebbe diventata la definizione stessa di STAR. Da bambina visse periodicamente con la madre che soffriva di diverse malattie mentali. Dopo un evento particolarmente turbolento, quando Norma Jeane aveva sette anni, sua madre Gladys fu mandata all’ospedale statale di Norwalk, mentre Norma Jeane fu affidata a un tutore e poi
inviata alla Los Angeles Orphans Home Society fino all’età di 16 anni, quando sposò il suo primo marito James Dougherty. Passarono più di dieci anni prima che riuscisse a far visita alla madre.

Dopo il divorzio da Dougherty nel 1946, Norma Jeane ebbe successo come modella pubblicitaria e all’età di 20 anni si iscrisse al suo primo corso di recitazione e iniziò a usare il nome d’arte Marilyn Monroe (che avrebbe cambiato legalmente nel 1956). Dopo piccole parti in film per lo più dimenticabili, si fa notare da Hollywood nel 1950 con una piccola parte nel film vincitore dell’Oscar All About Eve. Nel 1953 riceve un discreto successo per il film noir Niagara e, nello stesso anno, la sua reputazione di super star e sex symbol viene lanciata con i film Gli uomini preferiscono le bionde e Come sposare un milionario. Nel 1955 la Monroe consolida la sua fama di attrice comica nel film The Seven Year Itch del regista Billy Wilder e si fa notare nuovamente nella commedia Some Like it Hot del 1959. La Monroe e l’icona del baseball degli Yankees di New York, Joe DiMaggio, si sposarono per quattro tumultuosi mesi nel 1955. Nel 1956 sposa il drammaturgo premio Pulitzer Arthur Miller (Morte di un commesso viaggiatore), che scrive la sceneggiatura del suo ultimo film, The Misfits, diretto da John Huston e interpretato da Clark Gable e Montgomery Clift. La coppia divorziò poco dopo la fine della produzione, nel 1960. Il 5 agosto 1962, il corpo di Marilyn Monroe fu scoperto dalla sua governante. La sua morte fu determinata da un’overdose di barbiturici.

Su questa storia e basandoci sul romanzo del 1999 di Joyce Carol Oates, il regista Andrew Dominik (Chopper, 2000; Cogan – Killing Them Softly, 2012) ha realizzato il suo film più importante della carriera, dal titolo Blonde. Seguono le sue dichiarazioni rilasciate a Netflix.

Una conversazione con il regista Andrew Dominik

(articolo tratto dal pressbook stampa di Blonde ©Netflix)

Cosa l’ha spinta ad adattare il romanzo di Joyce Carol Oates? Qual è stata la scintilla iniziale?

È difficile da dire. È un po’ come innamorarsi. Ho letto il libro nel 2002 circa. Era qualcosa che mi è rimasto impresso nella mente, ma l’attrattiva principale era l’opportunità di mostrare come un trauma infantile potesse influenzare una vita adulta. Joyce faceva vivere al lettore l’esperienza di essere una persona come Marilyn, ed è quello che stiamo cercando di fare anche con il film. È interessante perché è la donna più visibile al mondo, ma è completamente invisibile e ha creato questa situazione per se stessa, che in un certo senso è condannata. Vediamo il mondo solo dal suo punto di vista. Le persone possono trovarlo provocatorio, ma non è quello che sto cercando di fare. Sto cercando di relazionarmi con le esperienze di vita di qualcun altro in modo autentico.

Prima di leggere il libro, era un fan di Marilyn Monroe?

No. Prima del libro avevo una visione piuttosto superficiale di lei. Quando ho iniziato a guardare i suoi film, ho capito che mi sbagliavo completamente su di lei. Il principe e la ballerina (1957) è stata una delle più grandi interpretazioni di sempre riguardo a un’attrice e lei era una persona incredibilmente potente. Si tratta di una bambina non amata che viene da un orfanotrofio e si trasforma nella donna più in vista del mondo. Lo è diventata davvero, ma era anche autodistruttiva.

Photocall - BLONDE - Director Andrew Dominik (Credits La Biennale di Venezia - Foto ASAC, ph G. Zucchiatti)
Photocall – BLONDE – Director Andrew Dominik (Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC, ph G. Zucchiatti)

Ovviamente il libro di Joyce è un’opera di fantasia e questo è un adattamento di quell’opera. C’è qualche preoccupazione da parte sua che la gente lo prenda come la verità evangelica della vita di Mari- lyn?

Blonde è un’opera di finzione. Non è un’opera biografica. Non affermerei mai che lo sia. Joyce ha scritto un libro che essenzialmente drammatizza quello che provava per Marilyn Monroe. La narrativa è il modo in cui diamo un senso alla vita. Raccontiamo a noi stessi una storia su ciò che è accaduto, e questo è il modo in cui riusciamo ad avere un significato. Credo che la figura di Marilyn Monroe sia significativa per Joyce dal punto di vista emotivo, in termini di ciò che rappresenta l’esperienza dell’essere donna. Credo che il libro si occupi proprio di questo, forse non è accurato, ma è significativo. Mi ha sicuramente parlato.

Piuttosto che conformarsi a una narrazione strettamente lineare, si fanno queste bellissime e sognanti deviazioni. Cosa offre Blonde che un biopic non potrebbe offrire?

Il film si preoccupa di creare l’esperienza per lo spettatore di essere un’altra persona, di avere l’esperienza di vita di un’altra persona. Esplora il rapporto di Norma Jeane con se stessa e con quest’altra cosa, “Marilyn”, che è allo stesso tempo la sua armatura e la cosa che minaccia di consumarla. È una persona che è cresciuta con una falsa idea di lei, ed è profondamente traumatizzata. Cresce e diventa adulta e quel trauma richiede una scissione tra un sé pubblico e un sé privato, che è la storia di ogni persona in una certa misura, ma in una persona famosa è più esagerata. Il rapporto nel film è tra lo spettatore e lei, perché noi capiamo sempre perché fa quello che fa, ma nessun’altra persona nella storia lo sa. Quindi si è sempre dalla sua parte, a guardarla mentre salta da un montepremi a un altro, dalla padella alla brace, sapendo che non sta andando in una buona direzione, ma capendo anche perché lo sta facendo. La cosa che mi piace molto di Blonde è che mi colpisce in modo diverso ogni volta che lo guardo, e credo che questo sarà vero anche per gli altri spettatori. Non si tratta di una polemica diretta. È un’esperienza ellittica e la vostra reazione dice tanto di voi quanto del film. Ognuno ha la sua reazione personale e credo che sia questo a renderlo speciale.

Joyce ha visto un’anteprima del film e l’ha definita una “interpretazione femminista”. Lei la vede così?

È certamente dalla parte della donna, ma non è che abbia pensato: “Oh, mi siedo e faccio un film femminista”. Ma è piuttosto difficile evitarlo quando si osservano tutte le ingiustizie che le vengono inflitte, tutti i malintesi che le vengono imposti, tutti i modi in cui le viene chiesto d’incarnare una sorta di fantasia maschile paranoide.

Dato che prima di questo lavoro lei non era un fan di Marilyn Monroe, e data la profondità della sua comprensione, sono curioso di sapere se c’è un senso di parentela o di comprensione.

Completamente. Assolutamente. Molti di noi sanno cosa significa essere il figlio non amato. Sono tante le cose con cui mi relaziono.

Questo ha reso le cose più facili o più difficili?

Più facile. È un film molto sentito dal mio punto di vista. È dal 2008 che cerco di fare questo film. L’ho scritto e non mi ha mai lasciato in pace. Le idee continuavano ad arrivare. Sai, alcuni film ti interessano per due anni e poi te ne vai a fare qualcos’altro e non vuoi più tornarci, perché hanno perso la loro energia, ma questo non mi ha mai lasciato andare. Mi venivano sempre delle idee. La cosa fondamentale che questo film vuole dire è che è molto difficile uscire da se stessi, dalle proprie paure e dai propri desideri e vedere il mondo così com’è. Non vediamo il mondo. Vediamo noi stessi. Quando ci si trova improvvisamente nel punto di vista di un’altra persona, in particolare di una persona di cui si hanno molti presupposti a causa della sua celebrità o delle migliaia di storie che sono state raccontate su di lei, può essere molto stridente vederla attraverso i suoi occhi, soprattutto quando non è l’esperienza che ci si aspettava.

Lei è stato così esigente e meticoloso nel realizzare il film. Dato che si tratta di una versione romanzata della sua vita, perché era così importante che ogni dettaglio fosse corretto?

Mi interessava ricreare l’immaginario della sua vita. È una delle donne più fotografate al mondo. Se si fa una ricerca d’immagini di Marilyn Monroe, si può trovare una foto di lei che fa qualsiasi cosa, e molte di queste foto sono famose. La mia ossessione era quella di mettere in scena delle scene e di ricrearle in base a immagini di lei già esistenti. Se conoscete la vita di Marilyn Monroe, guardando questo film vedrete immagini che conoscete, ma il loro significato è diverso a seconda del dramma interiore che lei proietta all’esterno. L’idea visiva è quella di sfruttare la memoria collettiva di Marilyn Monroe e capovolgerla, per creare la sensazione che lei sia intrappolata in essa o che stia lottando per sfuggirvi.

Tra le ricostruzioni, la scena della grata della metropolitana di Seven Year Itch è una delle più avvincenti, perché la vediamo non dallo sguardo della macchina da presa, ma dal punto di vista di Marilyn, dei cameraman, delle comparse e del marito ex atleta che non è contento. È un momento cruciale per capire cosa deve essere stato all’interno di quel vortice di Marilyn. È stato fondamentale per lei che quella scena, che noi associamo alla sdolcinatezza e alla giocosità, avesse quel senso di minaccia e di terrore?

È interessante prendere qualcosa come la dea americana dell’amore sulla grata della metropolitana e trasformarla in una scena di sacrificio umano. Se sei una bambina indesiderata, diventare la donna più desiderata del mondo, avere tutto quel desiderio proiettato su di te sarebbe a dir poco disorientante. Non sono sicuro che sia una buona cosa per le persone avere un sacco di desiderio proiettato su di loro.

Per il film ha creato una “bibbia” delle immagini piena di riferimenti fotografici che ha condiviso con il cast e la troupe. Nel ricreare alcune di queste immagini di Marilyn e delle varie persone della sua vita, ce n’era qualcuna in particolare che non poteva mancare?

Ce ne sono molte. L’immagine di lei e del suo secondo marito, l’ex atleta seduto alla finestra, è un’immagine molto famosa. Quella scena viene messa in scena per assomigliare esattamente a quella fotografia, e gli attori devono assumere una posa del tutto specifica per farlo. C’è qualcosa d’innaturale in questo. Ricordo che Bobby disse: “Dobbiamo davvero recitare la scena in questo modo? E Ana rispose: “Sì, sì, dobbiamo”.

Photocall - BLONDE - Andrew Dominik and Ana De Armas (Credits La Biennale di Venezia - Foto ASAC, ph G. Zucchiatti)
Photocall – BLONDE – Andrew Dominik and Ana De Armas (Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC, ph G. Zucchiatti)

Qual è stato il catalizzatore di quella Bibbia dell’immagine?

È un film da sogno su Marilyn Monroe. Riguarda tanto l’immagine quanto la persona. Lei è alle prese con, e noi siamo alle prese con, l’immagine della sua vita. Mi è sembrata un’idea grandiosa, è stata un’ossessione cercare di realizzarla. È strano quando si vede un’immagine ricreata alla perfezione e le due persone che la compongono sono quasi identiche. Crea una sensazione inquietante, ma è incredibile.

Ana offre una performance notevole. Come sapevi che era quella giusta?

È sempre una cosa istintiva, come l’innamoramento: quando la persona giusta entra dalla porta, lo sai e basta. Devi passare attraverso le fasi di conferma a te stesso. Ma ho visto Ana per la prima volta in Knock Knock, un film con Keanu Reeves. Ho pensato: “Wow, quella ragazza assomiglia a Marilyn Monroe”. L’ho incontrata, abbiamo parlato e poi è venuta a leggere. Ricordo di aver riguardato la lettura più tardi, quel giorno, e di essere rimasto sbalordito dalla terza ripresa che ha fatto. I suoi sentimenti erano così vivi e ogni cosa che le dicevo la capiva davvero. Potevo darle delle indicazioni e lei le eseguiva davvero.

Come sono state le vostre conversazioni su come volevate che lei incarnasse Marilyn?

Non abbiamo mai smesso di parlare. Io e lei ci siamo sedute e abbiamo analizzato l’intero copione: io interpretavo tutte le altre parti e lei interpretava Marilyn, e in un certo senso elaboravamo i parametri di come avrebbe potuto reagire. Per quanto riguarda l’essere Marilyn Monroe, c’è un certo modo di farlo per ottenerlo. Ma in termini di “Come posso negoziare questa situazione?”. Ci sono forse tre o quattro modi per farlo. E non ci si deve concentrare su una sola di queste possibilità. Recitare non significa fare le cose per bene. Recitare significa sbagliare in un modo che rivela la verità. Ana e Norma Jeane sono persone diverse. Ana è costruita per vincere, mentre non mi sembra che Norma sia stata costruita per vincere. È molto più autolesionista, ma c’è abbastanza sovrapposizione e Ana ha una grande immaginazione. Onestamente, lavorare con lei è stato così facile. Prendeva tutto quello che scoprivamo da soli, lo filtrava un po’ e poi tornava indietro, ma non era mai fissata su nulla. C’era sempre tempo per giocare.

Cosa pensa che Marilyn penserebbe del film?

Beh, è molto difficile da dire. Mi piace credere che abbia capito che il film è stato fatto con amore. Che sia dalla sua parte. Era una persona straordinaria. Aveva una delle battute più belle sulla celebrità, quando diceva: “Quando sei famoso, ti imbatti sempre nell’inconscio della gente”, intendendo che la gente non la vede mai. Vedono solo l’immagine che hanno in testa di come la percepiscono. Guardando il mondo attraverso i suoi occhi, possiamo capire meglio come doveva essere la sua posizione. Aveva capito chiaramente che la maggior parte delle persone interagiva con una fantasia che portava dentro di sé.

Non pensavate molto a Marilyn prima di leggere Blonde. Ora ha passato quasi 15 anni a cercare di realizzare questo film. Cosa prova ora per lei?

Amo Marilyn Monroe. Vado regolarmente alla sua tomba. Sai che è sepolta accanto a Hugh Hefner? Hugh Hefner ha pagato 75.000 dollari per avere il loculo accanto a lei. Questi uomini le stanno addosso, anche da morta. È orribile. Arriverà il giorno in cui non penserò più a lei. Non ci sono ancora arrivato. Ogni volta che giro per Los Angeles e la vedo, è sempre significativo per me in qualche modo. È come se una stella fosse esplosa e ci fosse polvere di lei ovunque e la polvere di stelle è ancora con noi oggi. È interessante, le chiamano stelle. La luce delle stelle ci raggiunge dopo che le stelle si sono estinte. Sono sicuro che non è questo il motivo per cui le hanno chiamate “stelle”. Ma lei è così. La sua luce ci raggiunge. Letteralmente, è la sua luce che ci raggiunge dopo che lei se n’è andata da tempo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.