Gli amori di Anaïs (2021): un’intelligente commedia sentimentale

Gli amori di Anaïs

Titolo originale: Les Amours d’Anaïs

Anno: 2021

Paese: Francia

Genere: commedia, sentimentale

Produzione: Année Zéro, Les Films Pelléas, Arte France Cinéma, Odessa Productions

Distribuzione: Officine UBU

Durata: 98 min

Regia: Charline Bourgeois-Tacquet

Sceneggiatura: Charline Bourgeois-Tacquet

Fotografia: Noé Bach

Montaggio: Chantal Hymans

Musiche: Nicola Piovani

Attori: Anaïs Demoustier, Valeria Bruni Tedeschi, Denis Podalydès, Christophe Montenez, Xavier Guelfi, Anne Canovas

Trailer italiano di Gli amori di Anaïs

Trama di Gli amori di Anaïs

Anaïs è una giovane studentessa che, dopo aver chiuso una relazione con un coetaneo, inizia una storia con un Daniel, un uomo sposato di molti anni più anziano di lei. La ragazza sviluppa un’attrazione, prima intellettuale e poi anche fisica, per la scrittrice Emilie, moglie di Daniel.

Recensione di Gli amori di Anaïs

Presentato nel corso della Settimana internazionale della critica del 74˚ Festival di Cannes, Gli amori di Anaïs è il primo film della regista francese Charline Bourgeois-Tacquet, che vede come protagoniste Anaïs Demoustier e Valeria Bruni Tedeschi. Anaïs, che ha il volto dell’omonima Demoustier, è giovane ed entusiasta, si lancia nelle relazioni con la passione – e talvolta con la crudeltà – dei vent’anni e fa della soddisfazione dei propri desideri una ragione di vita. Valeria Bruni Tedeschi interpreta invece Emilie, scrittrice affermata di cinquantasei anni che sarà turbata dall’incontro con la giovane Anaïs.

Anaïs Demoustier

Il contrasto tra i vent’anni e i cinquanta è al centro della pellicola, ma sfugge dai cliché che vedono la gioventù come il momento aureo della vita e l’invecchiamento come sinonimo decadimento. La caotica vitalità di Anaïs invade effettivamente la tranquillità di Emilie, costringendo la donna a rimettersi in discussione e a rompere con la propria routine, ma l’incapacità di rinunciare al proprio piacere è un tratto del carattere di Anaïs che non è dovuto solamente alla sua età. L’incertezza che caratterizza lo stile di vita della ragazza, sempre di corsa per conquistare gli oggetti dei suoi desideri, appare inoltre decisamente più angosciante rispetto all’esistenza condotta da Emilie, che vive la propria maturità con serenità e leggerezza.

Anaïs è giovane e vive l’ansia della giovinezza, un’ansia che la fa correre. Il mio personaggio è più grande, ha un’età diversa, un’età che le dà anche maggiore serenità e leggerezza. Sono molto strani gli equilibri tra le due donne, non è vero che quella più giovane è più leggera di quella più grande. C’è molta speranza in questo: al posto di andare verso il basso, invecchiando si va verso l’alto, verso un’età più libera.

Valeria Bruni Tedeschi

L’età è dunque solo in apparenza un ostacolo tra le due donne: a sabotare la loro relazione, in modo buffo come si addice a una commedia degli equivoci, è in realtà il marito di Emilie, rappresentante di quella folta categoria di uomini che non accettano di invecchiare e cercano di sfuggire al passare del tempo rifugiandosi in relazioni superficiali con donne più giovani.

Valeria Bruni Tedeschi e Anaïs Demoustier

In conclusione…

Gli amori di Anaïs è una pellicola che si apporta un interessante contributo alla nuova commedia francese, grazie soprattutto a una fotografia eccellente e a due protagoniste perfettamente calate nei propri ruoli.

Note positive

  • Cast
  • Fotografia

Note negative

  • Regia che non riesce a valorizzare a pieno la fotografia e le interpretazioni

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.