Involontaria Off – L’esame (2022): un mediometraggio adolescenziale

Involontaria off - L'esame locandina

Involontaria Off – L’esame

Titolo originale: Involontaria Off – L’esame

Anno: 2022

Nazione: Italia

Genere: dramma adolescenziale

Casa di produzione: MP FILM

Distribuzione: MTV

Durata: 42 minuti

Regia: Alessandro Guida

Sceneggiatura: Giuseppe Paternò Raddusa, Alessandro Guida

Fotografia: Giuseppe Chessa

Montaggio: Marco Careri

Musiche: Sergio Ruggeri, Matteo Gasparini “Fat Sound Studio”

Attori: Elvira Camarrone, Elisa Visari, Francesco Foti, Ruben Mulet Porena, Angelica Massera, Greta Ragusa, Simone Di Scioscio, Christian Roberto, Marta Boledi,

Trailer di Involontaria Off – L’esame

Realizzato con il supporto della Fondazione MSD, in collaborazione con quaranta associazioni di pazienti che hanno collaborato alla sceneggiatura, Involontario Off – L’esame è un mediometraggio dedicato al mondo del volontario per la regia di Alessandro Guida, cineasta diplomatosi al Centro Sperimentale che ha diretto Maschile Singolare nel 2021 e il documentario Waterword disponibile su Prime Video. Il mediometraggio sarà in onda domenica 15 maggio 2022, alle 17:00 sul canale YouTube e sulla pagina Facebook di MTV Italia, alle 17.30 su MTV (canale Sky 131 e in streaming su NOW), alle 21.00 su VH1 (canale 167 digitale terrestre), mentre dal 16 maggio sarà disponibile in streaming su Amazon Prime Video.

Trama d’Involontaria Off – L’esame

Sara (Elvira Camarrone) ha 18 anni, un diploma di maturità appena conquistato e il sogno di entrare in medicina, coltivato anche dal padre medico, colui che l’ha cresciuta da sola dopo la scomparsa della madre. Per entrare a medicina ovviamente deve superare il test d’ingresso e contemporaneamente si prepara per affrontare questa difficile sfida, decide di svolgere un’esperienza estiva in un’Associazione di volontariato per imparare a rapportarsi con i pazienti. La ragazza viene messa al centralino e il suo compito è di contattare tutti i nominativi di pazienti femminili che hanno avuto la madre affetta da tumore con mutazione brca, al fine di fargli svolgere un test di controllo, essendo individui ad alto rischio di tumore. All’interno dell’elenco c’è anche la sua nemica numero uno, Arianna (Elisa Visari), colei che gli ha portato via il ragazzo, Luca (Simone Di Scioscio).

Elvira Camarrone in Involontaria off - L'esame
Elvira Camarrone in Involontaria off – L’esame

Recensione d’Involontaria Off – L’esame

L’unica “finzione” è la scintilla della storia. La protagonista Sara, che vuole superare il test per entrare a Medicina, si trova a dover aiutare nella sua prima esperienza da volontaria la sua peggior nemica: Arianna, che rischia di avere un tumore al seno. Le due ragazze si trovano ognuna davanti a una prova da affrontare che cambierà il loro futuro.

Giuseppe Paternò Raddusa

Un prodotto audiovisivo particolare, un mediometraggio dal sapore amore che quando sembra diventare interessante termina, concludendo la sua storia proprio sul più bello e lasciando allo spettatore molti interrogativi sia sul futuro di Sara sia sul destino di Arianna. Sotto molti punti di vista Involontaria Off – L’esame appare più come un pilot di una serie piuttosto come un singolo film di quarantadue minuti e per il modo in cui la narrazione è costruita avrebbe tutti gli elementi drammaturgici per diventare un interessante serie adolescenziale che si poggia su degli ottimi valori umani, non solo l’amicizia e l’amore. Involontaria Off vive all’interno di un contesto medico e mostra ai più giovani l’importanza della prevenzione e dei check up abitudinali per scoprire in tempo l’insorgere di eventuali patologie e malattie, come avviene ad Arianna che grazie a una chiamata di un volontario, durante il periodo delle vacanze estive, si scopre malata e ha la possibilità di curarsi subito, quando la malattia è ancora all’inizio. Il mediometraggio inoltre ci concentra anche sull’importanza della figura dei volontari, un ruolo spesso e volentieri screditato, ma che è la base del sistema sanitario nazionale, senza queste figure professionali la sanità italiana non funzionerebbe e cadrebbe a pezzi.

Quando sarai medico ti renderai conto di quanto i volontari sono importanti. Siamo l’ultima ruota del carro, eh, perché siamo l’ultima ruota del carro, ma senza di noi il carro gira male.

Involontaria off – L’esame

Il mediometraggio dal punto di vista registico è semplice e funziona abbastanza bene, anche se l’inserimento della scena della festa in piscina, realizzata con uno stile completamente divergente dal resto del film tv, poteva essere tranquillamente eliminata dal prodotto audiovisivo, sia perché a livello di sceneggiatura non immette niente all’interno della storia sia perché la fotografia e la regia di questa sequenza stona con il resto di Involontaria Off – L’esame che se possiede una luce quasi naturalistica ecco che nei brevi istanti in cui sono a divertirci all’interno della piscina (momento del passato) abbiamo una fotografia con una forte tinta blu, ben fatta ma fuori contesto. Invece, per quanto concerne le interpretazioni del giovane cast, possiamo essere abbastanza soddisfatti, anche se nei primi minuti la performance di Elvira Camarrone non è delle migliori, forse anche a causa di una ripresa del suono mal fatta, poiché le battute all’interno della prima scena si comprendono poco e malamente. Nonostante ciò la prova di Elvira Camarrone è un crescendo migliorando scena dopo scena anche grazie a dei giovani attori bravi come Elisa Visari, nel ruolo della sua antagonista Arianna, oppure Ruben Mulet Porena che interpreta Mirko, il  volontario che simpatizza con Sara.

In conclusione

Il mediometraggio risulta interessante soprattutto per il messaggio che invia ai giovani spettatori, peccato però che sia solo un mediometraggio poiché il materiale e il modo in cui è girato dà la sensazione al pubblico di trovarsi dinanzi a un pilot seriale, che magari MTV decida di creare una miniserie nel caso in cui Involontaria Off – L’esame abbia successo? Staremo a vedere.

Note positive

  • Interpretazioni
  • Il messaggio

Note negative

  • La storia si chiude nel momento in cui inizia a svilupparsi il rapporto tra Sara e Arianna, e ciò dà la sensazione che il tutto non sia un prodotto finale ma un inizio di un qualcosa.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.