Penguin Highway (2018) Un simpatico film ad alto impatto visivo.

Penguin Highway locandina

Penguin Highway

Titolo originale: Pengin Haiwei

Anno: 2018

Paese: Giappone

Genere: Animazione, fantastico

Produzione: Studio Colorido

Distribuzione: Nexo Digital

Durata: 117 min.

Regia: Hiroyasu Ishida

Sceneggiatura: Makoto Ueda

Fotografia: Tetsu Machida

Montaggio: Umitaro Abe

Musiche: Umitaro Abe

Animatori: Kenji Fujisaki, Hideaki Abe, Toshinari Abe, Minowa Aiko, Masaio Ando, Yojiro Arai

Trailer di: Penguin Highway

Penguin Highway è un film, citando Netflix (uno dei vari modi per vedere questo lavoro): “ad alto impatto visivo”. Pur non brillando per molto altro, il film di Hiroyasu Ishida è un film godibile.

Trama di: Penguin Highway

I quattro piccoli protagonisti del film
Hamamoto, Aoyama, Uchida e Suzuki (da sinistra a destra) Fotogramma da: Penguin Highway

Una moltitudine di pinguini compare dal nulla in una città giapponese e il piccolo Aoyama, un bambino di nove anni con una spiccata intelligenza e una interesse fra il morboso e lo scientifico per: “Le tette” (cit.), decide di capirne l’effettiva provenienza affidandosi a una serie di studi che coinvolgeranno il suo amico Uchida, la coetanea Hamamoto che, come Aoyama è figlia di uno scienziato, la “Sorellona” (di cui ignoriamo il nome) e, in un secondo momento, il bullo Suzuki.

Mentre Aoyama e Uchida compiono ancora le loro ricerche da soli, Hamamoto decide di condividere con loro una sua scoperta; scoperta che porterà le ricerche del gruppo che ormai si va formando a una spinta in avanti. Hamamoto ha da poco scoperto, oltre uno dei vari boschetti che circondano la loro città di una sfera d’acqua galleggiante – che lei chiama Mare – che sembra avere delle peculiari proprietà e che sembra direttamente collegata alla comparsa dei pinguini. Un ulteriore passo in più nel far luce sul mistero dei pinguini, lo compie Aoyama quando scopre che la Sorellona è in grado di creare i pinguini da qualsiasi cosa.

Le scoperte sono appena cominciate; da dove vengono i pinguini? Perché la Sorellona riesce a crearli? Cos’è quella sfera galleggiante? Per rispondere a queste domande non resta che guardare Penguin Highway

Fotogramma di: "Penguin Highway"
Fotogramma di: Penguin Highway

Recensione di: Penguin Highway

Quarta fatica da regista per Ishida, Penguin Highway racconta con pacata lentezza una storia che, per quanto assurda (a detta di chi scrive), è ben raccontata. Poco dopo l’inizio del film, conosciamo tutti i protagonisti della nostra storia e la loro “missione”, i vari personaggi sono ben caratterizzati, almeno per quanto riguarda i quattro protagonisti (cinque se vogliamo aggiungere Suzuki il capo dei bulli) così come lo sono i rapporti che intercorrono fra di loro; raccontati con semplicità e immediatezza. Particolarmente bello è il rapporto fra Aoyama e suo padre, che lo aiuta a destreggiarsi fra le proprie emozioni con “metodo scientifico”.

Se la lunghezza del racconto può destare qualche perplessità – a detta di chi scrive la storia poteva risolversi molto prima – per quel che riguarda il lato tecnico/artistico non c’è nulla da eccepire; la regia è calibrata, semplice e con tocchi miyazakiani che non ne minano l’originalità, il montaggio di Umitaro Abe coinvolge il pubblico e aiuta a non percepire eccessivamente la lunghezza del film, lo stesso Abe cura la colonna sonora di cui poco si ricorda a fine film ma resta comunque un buon lavoro. Ciò che da però quel quid in più a questo lavoro, e uno dei pochissimi motivi che può spingere a riguardare Penguin Highway una seconda volta, è la bellissima fotografia di Tetsu Machida; dei campi medi e lunghi di grande bellezza fra le cose maggiormente degne di nota del suo lavoro in questo film.

Note positive

  • Il soggetto del film
  • La fotografia di Tetsu Machida
  • Il rapporto tra Aoyama e su padre

Note negative

  • La durata del film
  • Il ritmo della storia si perde un po’ troppo in favore della fotografia

Un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.