Secret Invasion (2023): Marvel insoddisfacente

La serie TV "Secret Invasion" era una delle più attese dai fan dell'universo Marvel, promettendo una storia avvincente e poco conosciuta sui ribelli Skrull.
Condividi su
Locandina di Secret Invasion

Secret Invasion

Titolo originale: Secret Invasion

Anno: 2023

Paese: Stati Uniti d’America

Genere: azione, spionaggio, supereroi, fantascienza

Casa di Produzione: Marvel Studios

Distribuzione italiana: Disney +

Ideatore: Kyle Bradstreet

Stagione: 1

Puntate: 6

Regia: Ali Selim

Sceneggiatura: Kyle Bradstreet

FotografiaRemi Adefarasin, Sylvaine Dufauxm

MontaggioPete Beaudreau

Musica: Kris Bowers

Attori: Samuel L. Jackson, Ben Mendelsohn, Kingsley Ben-Adir, Killian Scott, Samuel Adewunmi, Dermot Mulroney, Richard Dormer, Emilia Clarke, Olivia Colman

Trailer di Secret Invasion

Informazione sulla stagione e dove vederla in streaming

Secret Invasion è una miniserie televisiva statunitense del 2023 ideata da Kyle Bradstreet. Lo show è il primo della cosiddetta Fase Cinque del Marvel Cinematic Universe (MCU). Gli attori protagonisti sono Samuel L. Jackson, Ben Mendelsohn, Kingsley Ben-Adir, Killian Scott, Samuel Adewunmi, Dermot Mulroney, Richard Dormer, Emilia Clarke, Olivia Colman. La serie è stata pubblicata settimanalmente su Disney+ dal 21 giugno 2023 al 26 luglio 2023.

Trama di Secret Invasion

 Nick Fury viene a conoscenza di un’invasione clandestina della Terra da parte di una fazione di Skrull mutaforma. Fury si unisce ai suoi alleati, tra cui Everett Ross, Maria Hill e lo Skrull Talos, che si è costruito una vita sulla Terra. Insieme corrono contro il tempo per sventare l’imminente invasione Skrull e salvare l’umanità.

Emilia Clarke in Secret Invasion
Emilia Clarke in Secret Invasion

Recensione di Secret Invasion

La serie TV “Secret Invasion” era una delle più attese dai fan dell’universo Marvel, promettendo una storia avvincente e poco conosciuta sui ribelli Skrull. Tuttavia, ciò che doveva essere un’epica avventura nello spazio si è trasformata in una serie senza emozioni e noiosa, con una trama traballante e personaggi sottosviluppati. La premessa intrigante dell’invasione segreta dei ribelli Skrull sulla Terra viene sprecata in una narrazione lenta e inconsistente che lascia gli spettatori distanti e indifferenti. È un peccato vedere la Marvel sprecare un potenziale così grande, lasciandoci desiderare sceneggiatori più capaci e appassionati per dare vita a un’opera all’altezza delle aspettative.

La serie si apre con l’ambizioso piano dei ribelli Skrull di creare una nuova casa sulla Terra, stanchi delle promesse non mantenute da Nick Fury, interpretato da Samuel L. Jackson. La premessa prometteva una lotta per la libertà, con momenti epici di conflitto e intrighi politici, ma purtroppo tutto ciò si dissolve rapidamente. La narrazione si trascina in una serie di episodi lenti e poco coinvolgenti, perdendo il filo conduttore della storia e lasciando lo spettatore a chiedersi quando finalmente accadrà qualcosa di significativo.

Uno dei principali difetti della serie è la mancanza di empatia verso i personaggi. Nonostante un cast di attori competenti, la scrittura dei personaggi lascia molto a desiderare. Le motivazioni dei protagonisti sembrano superficiali e poco convincenti, con poche opportunità per lo spettatore di connettersi emotivamente con loro. Ciò è particolarmente deludente per i personaggi Skrull ribelli, che avrebbero dovuto essere il cuore pulsante della serie. Invece, ci vengono presentati in modo così vago e stereotipato da non suscitare alcun interesse reale per le loro lotte e il loro destino. Anche Nick Fury, un personaggio famoso dell’universo Marvel, soffre di una caratterizzazione piatta e poco sviluppata. Le interpretazioni di Samuel L. Jackson, Ben Mendelsohn, Emilia Clarke e Olivia Colman sono magnetiche, ma i personaggi stessi sembrano svolgere un ruolo di sfondo, senza la profondità e la complessità che ci si aspetterebbe da dei personaggi così iconici. Questo depaupera ulteriormente la serie, privandola di una figura centrale carismatica e coinvolgente.

Fotogramma di Secret Invasion
Fotogramma di Secret Invasion

La serie sembra concentrarsi troppo sulle lotte interne dei ribelli Skrull

Lo show sembra trascurare altre possibili trame e sottotrame che avrebbero potuto rendere la storia più ricca e avvincente. La lentezza della narrazione e la mancanza di eventi significativi rendono difficile per lo spettatore rimanere interessato e coinvolto nella trama. Si avverte un senso di stasi e di “riempitivo” nelle scene, come se la serie stesse cercando di allungare il brodo per coprire una trama sottile.

Anche le dinamiche interpersonali tra i personaggi lasciano a desiderare. Le relazioni sembrano essere tratteggiate in modo superficiale e poco convincente, privandole di autenticità. Ciò influisce negativamente sulla qualità delle interazioni e dei dialoghi, che risultano poco coinvolgenti e a volte persino forzati. Manca quel legame emotivo che avrebbe dovuto connettere lo spettatore alla storia e ai personaggi, impedendo una piena immersione nella serie.

Un altro elemento che contribuisce al fallimento della serie è la mancanza di sfruttamento dell’ambientazione sulla Terra. La creazione di una nuova casa da parte dei ribelli Skrull avrebbe dovuto offrire l’opportunità di esplorare temi importanti come l’identità, l’integrazione culturale e la convivenza tra diverse specie. Purtroppo, questi temi vengono solo accennati superficialmente e mai esplorati a fondo. La serie sembra perdere di vista il suo potenziale più ampio, concentrandosi invece su una trama poco interessante e una caratterizzazione fiacca dei personaggi.

Secret Invasion” è una delusione per i fan dell’universo Marvel e per gli amanti delle serie TV di supereroi. La promettente premessa dell’invasione segreta dei ribelli Skrull sulla Terra si dissolve in una narrazione lenta e senza emozioni, con una trama traballante e personaggi sottosviluppati. La mancanza di empatia verso i protagonisti e la debolezza delle dinamiche interpersonali impediscono allo spettatore di connettersi veramente con la storia. Inoltre, l’ambientazione sulla Terra non viene sfruttata appieno, privando la serie di una potenziale fonte di profondità e significato.

Frame di Secret Invasion
Frame di Secret Invasion

In Conclusione

Sembra che la Marvel abbia ancora bisogno di trovare sceneggiatori adeguati, appassionati e capaci di dare vita a storie avvincenti e personaggi ben sviluppati. Solo allora potranno offrire ai fan esperienze indimenticabili e serie TV all’altezza delle aspettative. Per ora, “Secret Invasion” rimane un’opera dimenticabile, incapace di conquistare il cuore dello spettatore e di sfruttare al meglio il vasto potenziale del suo universo narrativo.

Note Positive

Regia

Attori

Fotografia

CGI

Note Negative

Scrittura

Condividi su
Renata Candioto
Renata Candioto

Diplomata in sceneggiatura alla Roma Film Academy (ex Nuct) di Cinecittà a Roma, ama il cinema e il teatro.
Le piace definirsi scrittrice, forse perché adora la letteratura e scrive da quando è ragazzina.
È curiosa del mondo che le circonda e si lascia guidare dalle sue emozioni.
La sua filosofia è "La vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".

Articoli: 41

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.