Shazam! (2019): Un divertente cinecomic targato DC

SHAZAM! - Trailer Ufficiale Italiano - Dal 3 Aprile al Cinema
Trailer italiano del film

Terzo film del regista David F. Sandberg, dopo Lights Out – Terrore nel buio e Annabelle 2: Creation, Shazam! è un film del 2019, facente parte del DC Extended Universe. A fronte di un budget di 100 milioni di dollari, il film ne ha incassati circa 365 milioni, il risultato più basso al botteghino fra i recenti film della DC, se non consideriamo Birds Of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn e Wonder Woman 1984, entrambi però rilasciati in un periodo di pandemia (Febbraio e Dicembre 2020). La pellicola è basata sul personaggio dei fumetti Shazam (noto anche come Capitan Marvel) ideato da C.C. Beck e Bill Parker nel 1939.

Trama di Shazam!

Phildalephia, il giovane Billy Batson, adolescente abbandonato dal padre e alla ricerca della madre da anni, viene affidato all’ennesima casa famiglia, dopo essere scappato dall’ultima in cui stava. Billy inizialmente si comporta male con tutti, stringendo però un rapporto di amicizia con Freddy, suo compagno di stanza. Dopo uno scontro a scuola con dei bulli, che avevano attaccato Freddy, Bily scappa e si rifugia su un vagone della metro. Qui, all’improvviso, viene trasportato in un posto magico, dove incontra il mago Shazam, alla ricerca di un giovane puro di cuore a cui dare in eredità i suoi poteri. Billy accetta e si trasforma così in un muscoloso supereroe, dall’aspetto adulto, mantenendo però la sua personalità da ragazzino.

Recensione di Shazam!

Prima di parlare effettivamente del film, vorrei fare un breve excursus sul regista del film, David F. Sandberg. Il buon David, noto sul web anche come ponysmasher, nasce come regista di breve cortometraggi horror, girati principalmente in casa sua e con sua moglie come protagonista. Cortometraggi, che venivano postati su YouTube, nella speranza che qualcuno lo notasse. E infatti nel 2013, il suo cortometraggio Lights Out (che ad oggi conta circa 15 milioni di visualizzazioni) viene notato da un produttore di Hollywood, Lawrence Grey, che decide di trarne un lungometraggio, uscito poi nel 2016, che si rivelò un enorme successo al box-office, incassando 150 milioni di dollari, con un budget di soli 5 milioni. La sua storia, è la perfetta storia del sogno di un qualsiasi giovane regista che passa da “semplici” corti su YouTube a dirigere grandi produzioni di Hollywood.

Forse è solo un caso che sia stato scelto proprio lui, per dirigere il film su un adolescente che vive il sogno di molti ragazzini: diventare un supereroe. Forse è solo un caso, ma mi piace pensare che non sia così. Infatti Shazam! questo è, la rappresentazione perfetta del sogno di ogni giovane ragazzo appassionato di supereroi e fumetti. Probabilmente è questo suo punto di forza, rivelandosi un arma a doppio taglio, che svela anche il principale difetto del film. La trama è infatti abbastanza banale e prevedibile, lo schema narrativo è roba già vista e rivista, i personaggi e alcune parti della storia, sono davvero troppo scontati e semplici e alcuni passaggi sono palesemente forzati. Qualche volta nel film capita qualche “casualità” che non è proprio tanto una casualità, facendo così intravedere la banalità e semplicità (nel senso un po’ più negativo della parola) con cui è stato scritto il film.

Detto questo però, non si possono negare vari punti forti della pellicola, che rendono davvero godibile la visione e fanno risultare Shazam! un buon film. La regia di Sandberg è davvero interessante e curata, così come la fotografia, che non è nulla di eccezionale ma è ben fatta. I personaggi sono ben caratterizzati e ben intrepretati, anche dagli attori più giovani. Lo Shazam impersonato da Zachary Levi è ottimo, l’attore ha dato davvero il 100% per interpretarlo e i risultati si vedono. Anche il villain, interpretato da Mark Strong, è carismatico e convincente. Notevoli anche gli effetti speciali, escludendo poche scene dove la cgi fa davvero un brutto lavoro (la scena di volo del centro commerciale, ad esempio). Nonostante a volte risultino eccessive o troppo lunghe, le scene di lotta e azione sono ben fatte e intrattengono. Ma il vero punto di forza è la sua comicità. I personaggi e le situazioni in cui si trovano sono davvero divertenti e non scadono mai in una comicità becera o esagerata, intrattenendo e divertendo dall’inizio alla fine.

In conclusione, il lungometraggio non si pone nessuna pretesa autoriale e non si prende mai seriamente, poiché l’unico scopo è quello di essere un film per famiglie e per ragazzi, puntando tutto sul divertimento. Ed è questo ciò che fa si che Shazam! riesca in un’ottima maniera a essere un bel film che diverte e ti fa passare poco più di due ore in spensieratezza e tranquillità, senza annoiare e senza essere pesante.

Menzione d’onore finale, per l’ottimo doppiaggio di Maurizio Merluzzo (doppiatore di Zachary Levi), al suo primo lavoro da protagonista.

Note positive

  • Un film davvero molto divertente
  • Regia
  • Personaggi e interpretazioni

Note negative

  • Sceneggiatura banale

Leave a Reply

undici + undici =