Conferenza stampa di Povere Creature! con Willem Dafoe del 2024

Condividi su

Il film ‘Povere Creature!’ della Searchlight Pictures è diretto dal candidato all’Academy Award®, Yorgos Lanthimos (noto per ‘La favorita’ e ‘The Lobster’), con una sceneggiatura redatta dal candidato all’Academy Award®, Tony McNamara (autore de ‘La favorita’), basata sul romanzo di Alasdair Gray, edito in Italia da Safarà editore. Il film è prodotto dal candidato all’Oscar®, Ed Guiney (noto per ‘La favorita’ e ‘Room’), Andrew Lowe (produttore di ‘The Eternal Daughter’ e ‘The Souvenir: Part II’), Yorgos Lanthimos e Emma Stone.

La vincitrice dell’Academy Award®, Emma Stone (conosciuta per ‘La favorita’ e ‘La La Land’), è la protagonista insieme al candidato all’Academy Award®, Willem Dafoe (‘The Lighthouse’ e ‘The French Dispatch’), al candidato all’Academy Award®, Mark Ruffalo (‘Il caso Spotlight’ e ‘Foxcatcher – Una storia americana’), al vincitore del Golden Globe®, Ramy Youssef (‘Ramy’ e ‘Mr. Robot’), Christopher Abbott (‘Black Bear’ e ‘Possessor’), il vincitore del Primetime Emmy® Award, Jerrod Carmichael (‘The Carmichael Show’), Hanna Schygulla (‘Ai confini del paradiso’), Kathryn Hunter (‘Macbeth’) e la candidata al Primetime Emmy® Award, Margaret Qualley (‘C’era una volta a… Hollywood’ e ‘Maid’).

Willem Dafoe e Giada Colagrande all'anteprima stampa romansa di Povere Creature!
Willem Dafoe e Giada Colagrande all’anteprima stampa romansa di Povere Creature!

Il quattro volte candidato all’Academy Award®, Willem Dafoe, recentemente insignito di una stella sulla Hollywood Walk of Fame, è stato il protagonista dell’anteprima italiana del film ‘Povere Creature!’. L’evento si è svolto giovedì 18 gennaio, presso il Cinema Godard all’interno della sede di Milano della Fondazione Prada. Il film, della Searchlight Pictures, vincitore del Leone d’Oro all’80esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e premiato con due Golden Globe® come Miglior film musicale o commedia e Miglior attrice in un film musicale o commedia (Emma Stone), arriverà il 25 gennaio nelle sale italiane, distribuito da The Walt Disney Company Italia. L’attore Dafoe, prima di recarsi al Cinema Godard, ha tenuto una conferenza stampa a Roma Martedì 16 gennaio 2024, alle ore 14.30, presso il Cinema Barbieri di Roma. La nostra articolista Sara Camardella ha seguito per noi l’evento effettuando le riprese della conferenza che potete visionare qui sotto:

Nella pellicola Willem Dafoe interpreta il misterioso Godwin Baxter, riguardo il suo personaggio l’attore ha dichiarato:

Pressbook del film

Sono sempre attratto da registi con una personalità molto forte. Non riuscivo a separare la sceneggiatura dal fatto che Yorgos avrebbe diretto il film. l ruolo di Baxter è molto speciale, non riesco a pensare a un ruolo simile e probabilmente non avrò mai più l’opportunità di interpretare un ruolo come questo. Anche Baxter è nato da un esperimento ed è rimasto letteralmente sfigurato a causa di ciò che suo padre gli ha fatto. a storia è una rivisitazione grandiosa del racconto di Frankenstein, perché Bella è quella affascinante mentre il Dottore è composto da vari esperimenti cuciti tra loro. Baxter non ha mai amato nessuno prima d’ora, ma credo che ami Bella, quasi accidentalmente: le vuole molto bene e rivede qualcosa di se stesso in lei. In Bella, vede un’intelligenza, unacuriosità e una vitalità che forse vorrebbe esplorare in se stesso”, spiega Stone. “Sono padre e figlia, unoscienziato e il suo esperimento, e in un certo senso anche anime gemelle, ma non in modo romantico o interessato. Non è un rapporto facile daclassificare Questa dinamica si evolve nel corso del film attraverso le scoperte di Bella.

Il produttore Ed Guiney, riguardo a Dafoe e al personaggio Godwin Baxter ha dichiarato:

Willem ha svolto un lavoro incredibile con Baxter, un personaggio che all’inizio sembra davvero mostruoso e narcisista. Gli fornisce un’umanità davvero intensa e ci permette di affezionarci a lui. È stata la sua sofferenza a condurlo lungo questo particolare cammino di esplorazione: sta cercando di capire dacosa sia costituito un grande essere umano, ed è riuscito a scoprirlo con Bella

Lo sceneggiatore Tony McNamara invece ha dichiarato:

Willem fornisce una grandissima dignità e unsenso dell’umorismo malizioso a questo personaggio. Comunica un grande calore, ma è riuscito anche a rappresentare i lati più spigolosi di Baxter: in questo modo, risulta credibile che questo personaggio possa aver rianimato tutte queste persone e svolto tutti questi esperimenti
Condividi su
Stefano Del Giudice
Stefano Del Giudice

Laureatosi alla triennale di Scienze umanistiche per la comunicazione e formatosi presso un accademia di Filmmaker a Roma, nel 2014 ha fondato la community di cinema L'occhio del cineasta per poter discutere in uno spazio fertile come il web sull'arte che ha sempre amato: la settima arte.

Articoli: 892

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.