Dio esiste e vive a Bruxelles (2015): Blasfemia o puro genio?

Dio esiste e vive a Bruxelles

Titolo originale: Le tout nouveau testament

Anno: 2015

Nazione: Belgio, Francia, Lussemburgo

Genere: Commedia

Casa di produzione: Terra Incognita Films, Climax Films, Après le Déluge

Durata: 1 ora e 54 minuti

Regia: Jaco Van Dormael

Sceneggiatura: Thomas Gunzig, Jaco Van Dormael

Fotografia: Christophe Beaucarne

Montaggio: Hervé de Luze

Musiche: An Pierlé

Attori: Pili Groyne, Benoît Poelvoorde, Catherine Deneuve

Trailer italiano di Dio esiste e vive a Bruxelles

Trama di Dio esiste e vive a Bruxelles

Belgio, tempi nostri. Dio vive rintanato come un topo in un appartamento nel centro di Bruxelles con la moglie e la figlia. Gesù (nel film, per renderlo attuale, viene chiamato J.C.) è scappato di casa, saturo del padre e pronto a contrastare i suoi metodi di gestione del mondo. Il Buon Signore è violento, frustrato, alcolizzato, divertito dal fare del male e talmente imperfetto da abusare della stessa figlia appena undicenne. In questo clima, in cui Dio è totalmente omologato all’umanità, Ea, la figlia, tenta di fuggire dal campo di prigionia in cui è rinchiusa per andare a scoprire il mondo ed il padre, furibondo, si catapulta nel mondo rovinato da lui stesso. Qui inizia il vagabondaggio del Creatore nella grande Bruxelles, dove avrà la possibilità di avere un assaggio della crudeltà e dell’imperfezione degli esseri da lui creati; dopo esser stato picchiato, deriso e umiliato però, Dio non cambierà idea, ma sarà anzi ancora più convinto di dover punire l’umanità. Chi interverrà in nostro aiuto quindi?

Fotogramma di Dio esiste e vive a Bruxelles
Dio all’interno del lungometraggio

Recensione di Dio esiste e vive a Bruxelles

Dio, Dio salvatore, Dio buono, Dio giusto“…. No, proprio no. Scordatevi tutto ciò che pensate di sapere su Dio, sul Dio Cristiano, e tenetevi forte: state per assistere a qualcosa di nuovo, di fresco, d’innovativo, provocatorio, ironico ma, soprattutto, riflessivo. Visivamente pulita, registicamente azzeccata e con un cast ben bilanciato, questa commedia arrogante si fa carico di un contenuto bello tosto e di difficile digestione per una società tutt’ora molto legata alla religione. Partendo dal mostrarci Dio come un essere totalmente imperfetto, grezzo e ripudiante, la pellicola si rifà poi alla famosa frase nietzscheana del “Dio è morto”, raccontandoci di un’umanità degradata, sempre più distante da Lui e dalla sua figura, oramai totalmente incline a un processo di “misantropia divina”, attuando atteggiamenti di vera e propria sfiducia nei confronti di Chi sta lassù.

Fotogramma di Dio esiste e vive a Bruxelles
Fotogramma di Dio esiste e vive a Bruxelles

Tra condanne di denuncia sociale tramite il divino visto sotto forma di uomo che picchia la moglie e la figlia, alle lotte contro l’alcolismo rappresentando il Signore come un gran bevitore, incapace di gestire un mondo che sta andando a catafascio e che, anzi, lo usa per sfogare le proprie frustrazioni, questo film viene giostrato da una colonna sonora eccellente, equilibrata e mai invasiva. Ed è in questo clima confusionario che subentra la moglie, la quale dà via ad un nuovo inizio per tutti, un inizio roseo e al passo coi tempi, strizzando, probabilmente, l’occhiolino alla Chiesa e invitandola quindi a non rimanere indietro. Una modalità espressiva certamente azzardata ma allo stesso tempo geniale, quella di mostrarci in nostri più gravi peccati attraverso una figura che dovrebbe incarnare la bontà, l’amore e la pace, un individuo che dovrebbe essere devoto e responsabile nei confronti del nostro bene e che invece ci tratta come un bambino con una lente d’ingrandimento che si accanisce su formica. Con una regia nettamente evocativa, esortativa, impressionista (menzione d’onore per la scena di Dio nel tubo) e certamente vittima di un’influenza da parte del cinema francese, Jaco Van Dormael è riuscito minuziosamente nell’impresa di stare al passo con un mondo che inizia pian piano a interrogarsi sulle varie Letture e, soprattutto, cerca di scrivere il Nuovo Nuovo Testamento (in riferimento al titolo originale del film).

In conclusione

Regia sperimentale che funziona, sceneggiatura solida, scenografia che rimane impressa…insomma, un film complessivamente positivo, capace di intrattenere e far sentir parlare di sé.

Note positive

  • Regia
  • Sceneggiatura
  • Scenografia

Note negative

  • Effetti speciali
  • Qualità audio

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.