Il sacrificio del cervo sacro (2018) Una tragedia greca nel mondo moderno

Condividi su
locandina Il sacrificio del cervo sacro (2018)

Il sacrificio del cervo sacro

Titolo originale: The Killing of a Sacred Deer

Anno: 2018

Nazione: Stati Uniti d’America, Gran Bretagna, Irlanda

Genere: Drammatico, Thriller

Casa di produzione: Film4, A24, Element Pictures

Distribuzione: Lucky Red

Durata: 121 minuti

Regia: Yorgos Lanthimos

Sceneggiatura: Yorgos Lanthimos, Efthymis Filippou

Fotografia: Thimios Bakatakis

Montaggio: Yorgos Mavropsaridis

Musiche: György Ligeti

Attori:  Colin FarrellNicole KidmanBarry KeoghanRaffey Cassidy,  Sunny Suljic, Alicia Silverstone, Bill Camp, Denise Dal Vera

Il sacrificio del cervo sacro (The Killing of a Sacred Deer) è un film del 2017 diretto da Yorgos Lanthimos su una sceneggiatura di Lanthimos ed Efthymis Filippou. Interpretato da Colin Farrell, Nicole Kidman e Barry Keoghan, il film è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2017, dove ha vinto il Prix du scénario.

Trama de Il sacrificio del cervo sacro

Steven Murphy, cardiochirurgo di successo, sembra vivere una vita apparentemente normale e felice con la moglie e i figli Kim e Bob quando succede l’irreparabile. Dopo aver bevuto troppo commette un errore irreparabile a causa del quale un suo paziente muore in sala operatoria. La famiglia di Steven (Colin Farrell) viene così colpita da una maledizione, lanciata dal figlio della paziente, come punizione per aver commesso un omicidio, dato che Steven si rifiuta di accettare la realtà e quindi di ammettere il reato che ha commesso, l’unico modo che ha per romperla è senza mezzi termini sacrificare un membro della sua famiglia.

 Barry Keoghan e Colin Farrell - Il sacrificio del cervo sacro (2021)
Barry Keoghan e Colin Farrell – Il sacrificio del cervo sacro (2021)

Recensione de Il sacrificio del cervo sacro

Dopo aver diretto The Lobster, Lanthimos si cimenta in una pellicola dove non svolte il solo ruolo di regista ma anche di sceneggiatura, andando a scrivere una storia dal sapore di già visto ma con dei risvolti molto particolare. Il cineasta greco nell’andare a realizzare la sua opera cinematografica evita qualsiasi imitazione artistica – registica o di citazionismo filmico, andando, come aveva già fatto nelle sue passate opere, a immettere il suo lato d’autore all’interno del film, anche se in maniera minore rispetto ai suoi lavori precedenti.

La storia del film risulta una rivisitazione attuale dell’antica tragedia greca d’Ifigenia Aulide, tragedia di Euripide, scritta tra il 407 ed il 406 a.C, una metamorfosi femminile (metaforica e reale, perché alla fine al posto della ragazza appariva un cervo) verso il sacrificio come atto supremo di bene nei confronti del proprio popolo e quindi dei propri simili. Ifigenia figlia di Agamennone, accetta quindi di essere sacrificata alla dea Artemide per placarla in modo da cambiare il vento, per permettere così alla flotta greca, bloccata nel porto dai venti avversi, di partire per assediare Ilio. Le cause della maledizione non vengono spiegate perché tutto è una metafora per dimostrare che quando sbagliamo non esiste alcun perdono, ma solo una punizione. È possibile quindi personificare Steven in Agamennone in quanto pecca di arroganza, in quanto si rivela incapace di ammettere l’errore fatale che ha portato alla morte di un uomo ed è quindi costretto a correre ai ripari trovandosi così costretto a sacrificare suo figlio, completando in questo modo il suo rito di espiazione. A differenza del film, nella tragedia il sacrificio non è mai stato compiuto in quanto la dea Artemide ebbe pietà della ragazza e la sostituì appunto con un cervo. Ma in questa storia non ci sono eroi, perché Steven non è in grado di assumersi le proprie responsabilità, dimostrandosi inetto e incapace di agire. Significativa la scena in cui la giovane e ingenua Kim (Raffey Cassidy) canta questa canzone. Il sacrificio del cervo sacro si riflette esattamente in queste parole. È possibile notare che è una colpa che brucia lentamente in un climax che esplode in un vero e proprio incendio.

“Cause we got the fire and we gonna let it burn”

Il sacrificio del cervo sacro
Scena dal film “Il sacrificio del cervo sacro”

In conclusione

Note positive:

  • Regia e musiche
  • Suspense e clima di tensione
  • Riferimenti letterari

Note negative:

  • Una storia a tratti cruenta
Condividi su

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.