Everybody Loves Diamonds – Prima stagione (2023): grande furto, piccoli personaggi

Recensione, trama e cast della prima stagione di Everybody Loves Diamonds (2023); disponibile dal 13 ottobre 2023 su Prime Video Italia.
Condividi su

Trailer di Everybody Loves Diamonds

Informazioni sulla serie e dove vederla in streaming

Disponibile dal 13 ottobre 2023 in esclusiva su Prime Video, Everybody Loves Diamonds racconta di una rapina che vuole essere un vero e proprio colpo da ricordare: rubare al Diamond Center di Anversa, un centro controllato nella maniera più capillare che si possa immaginare, i diamanti custoditi con un valore inestimabile. A tentare l’impresa una banda composta da Kim Rossi Stuart, Gian Marco Tognazzi, Carlotta Antonelli e Leonardo Lidi. Nel cast sono presenti anche Anna Foglietta, Rupert Everett, Malcom McDowell, Remo Girone, Johan Heldenberg e Synnøve Macody Lund.

Trama di Everybody Loves Diamonds

Ispirata alla storia vera del colpo al Diamond Center, la serie segue Leonardo Notarbartolo (Kim Rossi Stuart) e la sua improbabile banda di ladri mentre tentano di mettere a segno la rapina del secolo. Mesi di preparazione, intrighi e sospetti reciproci, alternati a momenti esilaranti, per orchestrare l’impresa più epica di sempre.

Kim Rossi Stuart in Everybody Loves Diamonds
Everybody Loves Diamonds (2023)

Recensione di Everybody Loves Diamonds

Everybody Loves Diamonds vuole sì raccontare un fatto di cronaca che a inizio anni 2000 ha sconvolto il mondo dei diamanti, una cerchia chiusa ma assai importante nell’economia mondiale, ma lo vuole fare trasformando l’azione in una sequela di gag quasi comiche.

La serie parte dal fatto più importante di tutta la storia: il furto in sé per sé. Da lì la narrazione procede a salti avanti e indietro nel tempo per arrivare a raccontare sia come da un’idea così assurda negli intenti si sia arrivati a effettivamente metterla in atto e sia le conseguenze che tale impresa ha prodotto. Perché se da una parte – come spesso ribadisce il protagonista – ognuno ha i propri sogni, dall’altra la realizzazione di essi può essere non solo difficile ma anche generare una sequenza di problematiche non poco complesse. 

Leonardo Notarbartolo, come si scoprirà nel corso delle puntate, non è nuovo alla criminalità, ha una vocazione e una spinta a rubare che lo porterà a “colpi” sempre più grossi, che sfoceranno nel furto focus della serie, rapina che lo renderà noto su scala globale.

Everybody Loves Diamonds (2023)
Everybody Loves Diamonds (2023)

Parlando della realizzazione di un racconto che sembrerebbe pura finzione ma che non lo è – almeno non del tutto – Everybody Loves Diamonds (come a parere di chi scrive ogni serie Prime Video italiana) appare quasi macchiettistica, con attori di un certo spessore che si trovano a dover interpretare parti con poco spessore. E non perché questo sia dovuto alla poca credibilità delle persone a cui i personaggi si ispirano essendo questa una storia con una base di verità, ma perché la scrittura della narrazione così come quella delle singole interpretazioni non ha quella “nota di colore” in più che fa entrare in empatia lo spettatore con ciò e con chi vede sullo schermo.

Everybody Loves Diamonds non si smentisce: si adegua perfettamente ad una piattaforma che ancora non ha dato il meglio di sé, confezionando prodotti guardabili ma non realmente interessanti. 

Everybody Loves Diamonds (2023)
Everybody Loves Diamonds (2023)

In conclusione

“Everybody Loves Diamonds” presenta un’interessante premessa che cerca di affrontare un tema complesso attraverso un tono leggero e comico. L’approccio narrativo che salta avanti e indietro nel tempo offre un elemento intrigante, ma la mancanza di coesione nella trama potrebbe rendere difficile per gli spettatori seguire la storia in modo fluido. La serie sembra mancare di profondità nei personaggi e nelle interpretazioni degli attori, il che limita l’empatia del pubblico verso le situazioni presentate. La mancanza di una caratterizzazione più approfondita potrebbe far perdere l’interesse degli spettatori nel corso della serie. Tuttavia, nonostante questi punti deboli, la serie riesce a mantenere un certo livello di intrattenimento grazie alla sua premessa originale e alle gag comiche. Ciò nonostante, per raggiungere un pubblico più vasto e duraturo, sarebbe necessario approfondire la trama, sviluppare personaggi più complessi e migliorare le interpretazioni degli attori, creando così un’esperienza televisiva più coinvolgente e memorabile.

Note Positive:

  1. Premessa interessante: La serie presenta una premessa originale basata su eventi della vita reale, aggiungendo un elemento intrigante alla trama.
  2. Riflessione sulla criminalità: La serie offre spunti interessanti sulla natura umana, esplorando i desideri e le conseguenze legate alla criminalità

Note Negative:

  1. Superficialità dei personaggi: La mancanza di approfondimento dei personaggi limita l’empatia dello spettatore e rende difficile connettersi emotivamente con la storia.
  2. Interpretazioni limitate: Alcune interpretazioni degli attori sembrano mancare di profondità, compromettendo l’autenticità dei personaggi e l’immersione dello spettatore nella trama.
Condividi su
Oriana Apuzzo
Oriana Apuzzo

Due sono le caratteristiche che mi contraddistinguono: l'erre moscia e la passione per il cinema. Sono laureata al DAMS di Roma Tre, indirizzo Cinema Televisione e Nuovi Media ma mi sono avvicinata alla Settima Arte sin da bambina, quando vedevo e rivedevo film che mi erano piaciuti per cercare una sfumatura, un particolare che mi era sfuggito. Il cinema è "il mio tesssoro".

Articoli: 33

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.